Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


La Corte Europea dei Diritti dell'Uomo decreta che la legge religiosa dell’Austria viola i diritti umani





STRASBURGO – Oggi, la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo ha rilasciato una decisione inerente la legge religiosa dell’Austria. La Corte ha dichiarato che la legge religiosa austriaca viola la Convenzione Europea sui Diritti dell’Uomo. Due comunità religiose confessionali si erano lamentate di essere discriminate in confronto alle chiese riconosciute. Nella fase preliminare di questa decisione, esperti legali austriaci avevano anche fortemente criticato l’attuale situazione.

Secondo il parere della Corte, l’Austria viola i diritti dei richiedenti alla libertà di culto tramite l’adesione ad un sistema a due livelli nella sua legge religiosa, il quale crea una classe di religioni inferiori e, conseguentemente, una classe di cittadini inferiori. Questo porta ad una discriminazione che non è compatibile con il carattere di una società pluralistica e democratica.

Johann Zimmermann, portavoce per i Testimoni di Geova, ha detto: “Prendendo questa decisione, la Corte ha fatto un passo importante. Nelle nazioni vicine come la Germania, Italia ed Ungheria, i Testimoni di Geova sono riconosciuti legalmente. Solo in Austria finora questa forma di statuto legale è stato trattenuto dall’essere concesso. La decisione della Corte interessa non solo i due richiedenti ma anche le molte altre comunità religiose. Per esempio, sia Battisti che Indù non sono legalmente riconosciuti in Austria. I loro membri sono discriminati in modi diversi dalla legge solo a motivo della loro appartenenza ad una chiesa non riconosciuta”.

In Austria la decisione ha un effetto speciale dato che la Convezione Europea sui Diritti dell’Uomo è parte della costituzione austriaca. Al parlamento è ora richiesto di agire e di rimediare l’attuale situazione legale.



Contatti:
Contatto in lingua tedesca, in Austria: Johann Zimmermann
Telefono: 0043-1-804 53 45-39; E-Mail: legal@at.wtbts.org

Contatto in lingua inglese, negli Stati Uniti: Gregory Allen, Avvocato dell’Ufficio Legale
Telefono: 845-306-0711



fonte

Questo articolo è stato pubblicato sul sito ufficiale delle Pubbliche Relazioni dei Testimoni di Geova, www.jw-media.org, in data 31 luglio 2008

© Traduzione a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova .net