Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


I cambiamenti alla legge religiosa in Austria possono offrire benefici ad altre nazioni



STRASBURGO – La lunga storia dell’Austria quale società pluralista progressiva potrà solo accrescere di valore grazie alla più recente decisione della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo. Ciò che probabilmente è più importante è che la decisione della Corte spiega chiaramente che non esistono giustificazioni al fatto che ad un gruppo ben riconosciuto a livello nazionale ed internazionale, come i Testimoni di Geova, venga richiesto di attendere circa 20 anni prima di veder garantita la personalità giuridica, e successivamente altri 10 anni per aspettare che sia risolta la loro istanza per il riconoscimento quale società religiosa.

I Testimoni di Geova, per esempio, nonostante siano la quinta comunità religiosa più grande nella nazione, hanno affrontato ostacoli nell’offrire cura pastorale ai loro membri negli ospedali, ed hanno incontrato sfide nel costruire i loro luoghi di adunanza. I figli dei Testimoni hanno subito discriminazioni a scuola ed ai corsi di tirocinio e sono stati oggetto di bullismo. Così, mentre i Testimoni di Geova avevano ottenuto lo status di un’associazione religiosa, i fallimenti protratti nel tempo del governo austriaco di riconoscerli come una società religiosa ha dato come risultato numerosi atti di discriminazione perpetrati contro di loro.

In merito a questa decisione favorevole della ECHR, il portavoce locale dei Testimoni di Geova, Johann Zimmermann, spiega: “Questa decisione positiva da parte della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo arriva dopo un impegno lungo 30 anni da parte dei Testimoni di Geova per ottenere lo status di una società religiosa riconosciuta in Austria. Durante quel tempo, la situazione legale richiedeva che i Testimoni di Geova usassero diverse associazioni per compiere le loro attività, in quanto la Legge delle Associazioni non è concepita per le comunità religiose aprendo così molti ambiti che avevano bisogno di essere definiti e regolati”.

Grazie alla strada aperta per garantire il pieno riconoscimento quale religione ai Testimoni di Geova (e potenzialmente ad altri gruppi), le limitazioni derivanti dall’essere sotto la Legge delle Associazioni sono state rimosse.

Leggete ulteriori informazioni da parte del rappresentante legale Johann Zimmermann mentre risponde alle domande inerenti alla decisione della Corte.



Contatto in Austria: Johann Zimmermann
Telefono: 0043-1-804 53 45-39; E-Mail: legal@at.wtbts.org



fonte

Questo articolo è stato pubblicato sul sito ufficiale delle Pubbliche Relazioni dei Testimoni di Geova, www.jw-media.org, in data 12 agosto 2008

© Traduzione a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova .net