Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Russia: Le interruzioni di massa ai congressi dei Testimoni di Geova sono coordinate?



Di Geraldine Fagan e Felix Corley, Servizio Notizie del Forum 18



Le autorità hanno impedito a circa otto congressi dei Testimoni di Geova di aver luogo finora questa estate mentre trenta altri sono andati avanti nonostante i tentativi degli ufficiali di ostacolarli, ha detto la Testimone di Geova Marina Topuriya al Servizio Notizie del Forum 18. Sono stati coinvolti tutti: la polizia di sicurezza FSB, le amministrazioni locali e gli Uffici dei Procuratori. I congressi di Kemerovo e Kirov, che dovevano avere inizio il 25 luglio, all’ultimo sono stati improvvisamente cancellati. "Sospettiamo che tutto ciò sia coordinato, in quanto ovunque i metodi sono gli stessi", ha rilevato. "E’ difficile dire dove stia soffiando il vento. Ma possiamo vedere i risultati". Il servizio di sicurezza FSB di Mosca si è rifiutato di discutere con il Forum 18 in merito al loro ruolo nelle cancellazioni, ma un ufficiale di Vladikavkaz ha negato che il FSB abbia ostacolato il locale congresso dei Testimoni di Geova. Una causa pendente nella Regione di Sverdlovsk potrebbe vedere dichiarate come estremiste e messe al bando molti libri e riviste dei Testimoni di Geova – inclusa "La Torre di Guardia". Il Pubblico Ministero provvisorio Aleksei Almayev ha negato che questa fosse una "caccia alle streghe" ed ha respinto le paure dei Testimoni di Geova che la rivista possa essere messa al bando nella sua interezza. Il legale per la libertà religiosa Anatoli Pchelintsev condivide le preoccupazioni dei Testimoni di Geova. "Avverto il fatto che le autorità vogliono mettere al bando i Testimoni di Geova in Russia, anche se, ovviamente, fisicamente non possono farlo".


Ufficiali in dozzine di città in tutta la Russia si stanno adoperando per tentare di bloccare i congressi estivi regionali dei Testimoni di Geova, come appreso dal Servizio Notizie del Forum 18. Quattro di questi eventi, programmati per il periodo dal 18 al 20 luglio, hanno visto affrontare interruzioni e pressioni al fine di chiuderli. "Non avevamo mai visto alcuna cosa simile prima", ha detto al Forum 19 l’avvocato Marina Topuriya della sede centrale di San Pietroburgo il 22 luglio. "Sospettiamo che tutto ciò sia coordinato, in quanto ovunque i metodi sono gli stessi". Comunque, si è rifiutata di ipotizzare in merito a chi potrebbe aver preso la decisione di lanciare una simile campagna coordinata. "E’ difficile dire dove stia soffiando il vento. Ma possiamo vedere i risultati".

I Testimoni di Geova dicono che l’ostruzione e le pressioni per cancellare i congressi proviene dal Servizio per la Sicurezza Federale (FSB), le locali amministrazioni, la polizia locale e l’Ufficio del Procuratore. "C’è una gerarchia, ma quando le cose accadono così rapidamente è chiaro che ciò proviene dai piani alti", ha detto Topuriya al Forum 18.

Anatoli Pchelintsev del Centro Slavo per la Legge e la Giustizia con sede a Mosca, il quale ha seguito molti casi di libertà religiosa, evidenzia che mentre altre comunità religiose affrontano ostruzione da parte delle autorità, i Testimoni di Geova attualmente affrontano i problemi più gravi. "I tentativi di ostacolare i loro congressi e mettere al bando la loro letteratura potrebbero essere coordinati, sebbene non ne abbia le prove", ha detto al Forum 18 da Mosca il 22 luglio. "Credo che dietro ciò si nascondano le forze dell’ordine. Avverto il fatto che le autorità vogliono mettere al bando i Testimoni di Geova in Russia, anche se, ovviamente, fisicamente non possono farlo".

Pchelintsev ha messo in risalto che le ragioni che gli ufficiali hanno dato in alcuni luoghi per annullare i congressi dei Testimoni di Geova – in particolare le accuse che abbiano violato la Legge sulle Manifestazioni del 2004 – non sono legalmente valide. "La Legge sulle Manifestazioni non prevede gli eventi religiosi", ha detto al Forum 18. "Per legge le organizzazioni religiose non devono informare alcuno del fatto che stanno tenendo un raduno – possono solo affittare le strutture e andare avanti. Se stanno affittando uno stadio, è sensato avvertire la polizia in modo che possa gestire la sicurezza, ma non sono obbligati a farlo".

Visto il coinvolgimento riportato in molti degli incidenti da parte del FSB, Forum 18 ha provato a sapere se avesse coordinato le azioni. Tuttavia, un ufficiale del Dipartimento per le Pubbliche Relazioni di Mosca si è rifiutato di dare qualsiasi informazione. "Non vi lascerò alcun commento", questo ha detto l’ufficiale – che si è rifiutato di dare il suo nome – al Forum 18 da Mosca il 22 luglio. "Non vi aiuterò". Ha quindi messo giù il telefono.

In Russia come dappertutto, numerose congregazioni dei Testimoni di Geova si riuniscono per uno speciale programma di istruzione religiosa ai congressi annuali. Topuriya ha riferito che, alla data del 22 luglio, circa otto congressi erano stati impediti dall’aver luogo, mentre altri 30 erano andati avanti con difficoltà. "Di questi, sei o sette hanno fatto fronte a grave ostruzione. Hanno perfino ostacolato i congressi tenuti sulle nostre proprietà". Ha detto di temere che possano essere ostacolati i più di quaranta raduni che devono aver luogo.

Topuriya ha detto che i più recenti congressi ad essere ostacolati erano quelli che dovevano avere inizio a Kemerovo nella Siberia sud-occidentale ed a Kirov (Regione di Kirov) il 25 luglio. "Erano stati firmati gli accordi per affittare le strutture in entrambe le città, ma i direttori li hanno annullati, apparentemente sotto pressione", ha detto al Forum 18. "Quando abbiamo iniziato a prenotare i pullman per portare i nostri membri al luogo, sono scattate le mosse ed i direttori hanno rapidamente annullato".

Topuriya ha detto che a motivo delle crescenti difficoltà, i Testimoni di Geova sono stati obbligati ad organizzare gli eventi il più cautamente possibile per tentare di impedire che le autorità vengano a conoscenza. "Siamo stati obbligati ad essere cauti", ha spiegato. "A Kemerovo si erano avvicinati ad una Testimone di Geova provando a sapere da lei quando e dove il congresso avrebbe avuto luogo. Lei ha immediatamente capito e non lo ha detto". Topuriya insiste nel dire che le autorità intercettano le telefonate per provare a trovarli.

Topuriya ha detto al Forum 18 che nella città degli Urali di Yekaterinburg, le autorità municipali hanno emesso un decreto che proibisce il radunarsi sulle basi del fatto che ciò viola la Legge sulle Manifestazioni del 2004. Come Pchelintsev, i Testimoni di Geova insistono nel dire che gli eventi religiosi tenuti in strutture private non si vengono a trovare sotto la Legge del 2004. Evidenziano l’Articolo 16, comma 2, della Legge Religiosa del 1997, il quale dice che la riunioni di culto possono essere tenute senza ostacolo in strutture fatte apposta per le organizzazioni religiose.

Parlando da Yekaterinburg il 18 luglio, il rappresentante stampa dei Testimoni di Geova Yaroslav Sivulsky ha detto che il primo giorno del congresso è andato avanti allo Stadio Uralmash con circa 4.000 partecipanti malgrado le visite da parte della polizia e di altri rappresentanti locali del governo, i quali hanno sostenuto che dovevano essere informate le autorità 20 giorni prima, secondo la Legge sulle Manifestazioni. Tuttavia, l’Articolo 7, comma 1, di questa legge richiede la notifica tra i 10 ed i 15 giorni. "Questa è semplicemente negligenza da parte loro – non conoscono la legge", ha lamentato Sivulsky.

L’avvocato Pchelintsev è d’accordo. "Da nessuna parte la Legge sulle Manifestazioni richiede 20 giorni per la notifica", ha detto al Forum 18.

Diversamente, gli ufficiali del servizio per la sicurezza FSB, agendo sotto l’egida della Sezione d’Indagine di Asbest dell’Ufficio Regionale di Sverdlovsk del Pubblico Ministero, hanno fatto irruzione nella Sala del Regno dei Testimoni di Geova di Yekaterinburg nella mattinata del 16 luglio, come ha detto Sivulsky al Forum 18. "Hanno confiscato una grande quantità di letteratura – una copia di tutto dalla biblioteca", ha riferito. I libri e le riviste sono stati presi come parte di una locale indagine in merito al loro presunto contenuto estremista.

Il 22 luglio, l’ufficiale di servizio al FSB della Regione di Sverdlovsk ed un collega al quale ha dirottato la domanda – nessuno di loro ha voluto dare i loro nomi – si sono rifiutati di discutere con il Forum 18 riguardo al raid del 16 luglio a Yekaterinburg.

Il Pubblico Ministero provvisorio di Asbest, Aleksei Almayev, ha difeso la confisca del FSB della letteratura ma ha negato che sia avvenuto un raid. "Era una ricerca e la letteratura è stata presa come parte dell’indagine", ha detto al Forum 18 il 22 luglio. "Hanno preso solo una o due copie di ogni pubblicazione. C’era così tanta letteratura che non c’era abbastanza personale per prenderla tutta".

Almayev ha inoltre difeso l’indagine inerente la letteratura dei Testimoni di Geova. "Non è una caccia alle streghe". Ha detto che è stata promossa dopo le lamentele provenienti dai "cittadini della Federazione Russa". Interrogato su chi si fosse lamentato, ha risposto: "Cattolici, Ortodossi, Buddisti e Musulmani – tutti credono che i loro diritti siano stati danneggiati da questa letteratura".

Mentre diverse riviste dei Testimoni di Geova, inclusa "La Torre di Guardia", sono tra le pubblicazioni ad essere oggetto dell’indagine, Almayev ha insistito nel dire che nessuna corte ha il diritto di mettere al bando un’intera rivista. "La corte potrebbe determinare che un determinato articolo in una determinata edizione di una specifica rivista ha violato la legge", ha sostenuto. "Naturalmente non possono vietare l’intera pubblicazione".

Questo è ciò che precisamente Sivulsky teme. "Non è logico da un punto di vista legale, ma temiamo che metteranno al bando tutte le edizioni delle nostre riviste, non sono articoli specifici o edizioni specifiche", ha detto al Forum 18. L’avvocato Pchelintsev è d’accordo. "I Testimoni di Geova fanno bene ad essere preoccupati. La corte potrebbe ritenere estremista l’intera pubblicazione ai sensi della Legge sull’Estremismo ed allora chiunque la distribuisce affronterebbe la prigione e la stessa organizzazione religiosa potrebbe essere messa al bando".

Numerose opere musulmane sono state inserite nella Lista Federale del Materiale Estremista dopo che le corti li hanno trovati essere "estremisti", spesso senza che fosse citata una specifica prova.

Le autorità locali nel porto nord-orientale di Murmansk stanno pure insistendo nel dire che i Testimoni di Geova dovevano notificare al sindaco, alla polizia ed ai servizi di sicurezza con 20 giorni in anticipo il loro congresso dal 18 al 20 luglio. Visionata dal Forum 18, una lettera del 7 luglio proveniente dall’Amministrazione del Distretto della città sostiene che questo è richiesto in base ad una decisione del 5 dicembre 2006 da parte del Consiglio Comunale di Murmansk sulle riunioni pubbliche. Il Distretto ha ricevuto la notifica dei Testimoni di Geova il 7 luglio, 11 giorni prima dell’evento. Il loro congresso ciò nonostante è andato avanti al Central Trades Union Stadium.

Nel maggio 2007 ai Testimoni di Geova era stato negato il permesso di costruire una Sala del Regno in un sobborgo di Murmansk, come riportato dall’agenzia di stampa Regnum.

Nella città siberiana di Irkutsk, i Testimoni di Geova hanno iniziato il loro congresso allo Stadio del Lavoro il 18 luglio nonostante gli avvertimenti da parte degli ufficiali locali in visita secondo cui era una violazione dell’ingiunzione dell’ufficio del pubblico ministero locale, secondo quanto detto da Sivulsky. "Avevano chiesto perché stavamo tenendo l’evento malgrado il bando, ma dato che avevamo una contratto valido prima che il bando fosse stato emesso, noi seguiamo quello", ha detto al Forum 18. Precedentemente al congresso, l’Ufficio del Procuratore aveva scritto al direttore dello stadio e avvertito di una possibile multa, ha aggiunto il rappresentante stampa dei Testimoni di Geova.

A Nizhny Novgorod, 2.000 Testimoni di Geova sono convenuti sul posto di proprietà di uno dei loro membri, ha detto Topuriya al Forum 18. Il 19 luglio il FSB ha tenuto agli arresti alcuni della comunità ed ha fatto un’indagine relativa alla presenza di bambini all’evento, ha detto, ma il congresso è andato avanti lo stesso.

Due congressi programmati dall’11 al 13 luglio sono stati anche pieni di difficoltà. Nella città siberiana di Novosibirsk, un direttore di un villaggio turistico si è tirato indietro rispetto ad un accordo appena prima che i Testimoni di Geova si dovessero radunare, citando le pressioni della polizia, come ha detto Topuriya al Forum 18. L’evento è andato avanti ugualmente.

Nella città degli Urali di Perm, non è chiaro se un congresso originariamente programmato dall’11 al 13 luglio sarà tenuto più avanti. Un pubblico ministero locale ha insistito nel dire che i Testimoni di Geova dovrebbero notificare alle autorità locali almeno 20 giorni prima, secondo la Legge sulle Manifestazioni del 2004, spiega Topuriya.

Per la prima volta, ha detto Sivulsky al Forum 18 che il Comitato di Filiale dei Testimoni di Geova non ha potuto tenere un congresso a Mosca. Nonostante il sostegno delle autorità cittadine, il Luzhniki Stadium si è rifiutato di affittare le sue strutture dal 4 al 6 luglio "a causa di alcune forme di pressioni", ha detto. Circa 30.000 partecipanti dovevano essere presenti all’evento, il quale nell’estate 2007 era stato tenuto nello stesso stadio.

La Corte del Distretto Golovinsky della capitale russa aveva messo al bando le organizzazioni religiose dei Testimoni di Geova di Mosca nel 2004.

Nella città sud-orientale di Volgograd, la polizia e rappresentanti del pubblico ministero hanno provato ad impedire il congresso del 5 e 6 luglio ma hanno fatto marcia indietro quando i Testimoni di Geova hanno rivendicato i loro diritti legali, ha detto Sivulsky al Forum 18.

Nelle città europee a nord-est di Izhevsk e Kirov, i Testimoni di Geova locali non sono riusciti incredibilmente a trovare edifici in affitto per i loro congressi, ha detto Sivulsky al Forum 18. Non erano mai stati respinti precedentemente ad Izhevsk, "questa volta non abbiamo potuto ottenere ovunque alcun contratto di affitto", ha spiegato. "Lo scorso anno la polizia è venuta ed aveva chiuso l’acqua e la corrente elettrica, ma eravamo riusciti a continuare all’arena dello sport fuori città".

Nella città di Vladikavkaz a nord del Caucaso, il locale FSB aveva detto al direttore del centro Manezh, dove i Testimoni di Geova intendevano tenere il loro congresso con contratto di affitto dei locali, di annullare l’accordo il giorno prima dell’evento, cosa che ha fatto, ha sostenuto Sivulsky al Forum 18. Ha detto che il centro Manezh – il più grande centro sportivo nella città – era stato felice di affittare loro le strutture negli anni passati.

L’ufficiale di servizio in funzione del FSB dell’Ossezia del Nord a Vladikavkaz – il quale si è rifiutato di dire il suo nome – ha negato che il FSB fosse stato coinvolto nell’annullamento di qualsiasi evento religioso. "Secondo la legge il FSB non ostacola l’attività delle organizzazioni religiose", ha detto al Forum 18 dalla città il 22 luglio. Dopo che gli è stato detto che i Testimoni di Geova insistono nel dire che il FSB era dietro l’improvviso annullamento dell’accordo di affitto, l’ufficiale di servizio ha risposto: "Questa è una delusione. Non so perché pensino quello".

Sivulsky ha evidenziato che gli ufficiali hanno ripetutamente condotto "controlli" – come le ispezioni fiscali – alla sede centrale dei Testimoni di Geova a San Pietroburgo dal 2004. "Sono andati alla ricerca di motivi per chiudere la sede centrale", ha detto al Forum 18.

Nel 2003 la polizia aveva bloccato i Testimoni di Geova dal tenere tre congressi nella Regione sud-orientale di Stavropol. Erano stati obbligati ad abbandonare il loro congresso a Yekaterinburg nel 2004. Nel 2005, le autorità avevano fermato i congressi a Yekaterinburg e Arkhangelsk, ed interrotto gli eventi di Orenburg e della regione di Ivanovo.

Sebbene ci siano stati un paio di tentativi di interromperli, tutti i 53 congressi previsti in Russia sono andati avanti durante l’estate del 2007, come hanno riferito i Testimoni di Geova.



{Note della Redazione Cristiani Testimoni di Geova.net}




La Federazione Russa, principale successore dell'Unione Sovietica, è uno stato che si estende per oltre 17.000.000 km² tra l'Europa e l'Asia nell'area settentrionale del continente eurasiatico, con più di 140.000.000 abitanti.
La Federazione Russa è una democrazia federativa con un presidente con un notevole potere esecutivo, che risiede al Cremlino e nomina le più alte cariche ufficiali dello stato e può far passare dei decreti, senza il consenso del parlamento. Il parlamento Russo è un parlamento bicamerale.
La religione principale, è il cristianesimo ortodosso rappresentato dalla Chiesa ortodossa russa. A seguire per diffusione vi è l'Islam e altre significative minoranze di protestanti, cattolici, buddhisti, induisti. Per via dell'ateismo di stato del passato regime comunista sono diffusi ateismo e agnosticismo.

Rapporto dall'annuario 2008: Russia

Popolazione: 143.221.000
Proclamatori: 150.056
1 Proclamatore su: 954
2007 Media Proclamatori: 146.377
Percentuale d'aumento: 4%
Battezzati anno 2007: 9.121
Numero di congregazioni: 1.663
Media Studi biblici: 118.606
Presenti Commemorazione: 286.237



fonte

Questo articolo è stato pubblicato sul sito del "Forum18", in data 22 luglio 2008, da parte del giornalista Geraldine Fagan e Felix Corley, Servizio Notizie del Forum 18 (www.forum18.org)

© Traduzione a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova .net