Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Testimone di Geova fugge dal Canada verso gli Stati Uniti perchè desidera essere operata senza trasfusioni di sangue



Era fuggita dalla British Columbia insieme alla famiglia perché un giudice le aveva ordinato di sottoporsi a delle trasfusioni di sangue. La giovane - testimone di Geova - si stava sottoponendo ad un trattamento di chemioterapia per un tumore alla gamba destra. Ieri un giudice della Corte Superiore dell'Ontario ha ordinato alla ragazza di tornare immediatamente nella sua Provincia e di rispettare una precedente sentenza di un tribunale della British Columbia, che imponeva all'adolescente di sottoporsi alle trasfusioni, nonostante la pratica sia vietata dai dettami del suo credo religioso. Dopo la lettura della sentenza, la ragazza è stata presa in custodia da un agente. Un assistente sociale l'accompagnerà nella sua Provincia.
La vicenda ha profondamente diviso l'opinione pubblica in questi giorni: fino a che punto - è stata la domanda - deve essere rispettato un precetto religioso, dove questo mette a repentaglio la vita di una persona, minorenne oltre tutto? La 14enne ha subito un trattamento di chemioterapia per tre mesi senza far ricorso a nessuna trasfusione. La sua condizione fisica è velocemente deteriorata, tanto da convincere i medici del B.C. Children Hospital, di fronte al muro dei genitori della giovane, di portare la vicenda in corte.
La sentenza del tribunale della British Columbia era stata perentoria: la giovane non poteva rifiutarsi di subire trasfusioni, perché questa scelta avrebbe messo in pericolo la sua vita.
Ieri, durante la lettura della sentenza del giudice Victor Paisley, la ragazza non è riuscita a trattenere le lacrime. I genitori avevano avanzato la richiesta di poter far ricoverare la figlia in un ospedale americano, dove i malati di cancro vengono curati senza far ricorso a trasfusioni.


http://www.corriere.com/viewstory.php?storyid=39237



In seguito alla decisione della Corte, la Testimone di Geova 14enne aveva comunque deciso di operarsi negli Stati Uniti senza ricorrere all'uso di trasfusioni di sangue. A distanza di tre mesi ecco il felice esito:



Guarita senza trasfusioni la Testimone di Geova


La 15enne malata di cancro curata negli Usa dopo la battaglia legale in Canada.

Adesso può tornare a casa, guarita, come l'hanno dichiarata i medici dell'ospedale di New York dove è riuscita a sconfiggere il cancro che l'aveva colpita, senza bisogno di trasfusioni.
E' finita infatti l'odissea della 15enne Testimone di Geova che, nei mesi scorsi, aveva ingaggiato con la sua famiglia una battaglia legale contro la Sanità della British Columbia: per curarla dal suo tumore, infatti, i medici del B.C. Children Hospital volevano sottoporla a una trasfusione di sangue, una pratica cui la ragazza non intendeva sottoporsi per questioni religiose. Ben due sentenze le avevano però intimato di prestarsi alla decisione dei medici perché, essendo minorenne, non poteva avvalersi dell'obiezione di coscienza.
Di lì la decisione di spostarsi negli States fino a fine cura.



fonte