Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Testimone di Geova, investito e ucciso ad Arce



Ieri sera intorno alle 21.30 un uomo è stato investito e ucciso all’esterno della ”Sala del Regno”, il tempio dei Testimoni di Geova sulla Casilina, ad Arce. L’uomo, Augusto Lisi, 68 anni, residente ad Isoletta d’Arce era appena uscito dal luogo di culto quando è stato travolto mentre attraversava la strada da una Peugeot 306 blu condotta da un ragazzo di Isola Liri che stava rientrando a casa dal lavoro. L’impatto è stato violentissimo e l’uomo è morto durante il trasporto verso l’ospedale di Ceprano. Sul posto è intervenuta la stradale e i carabinieri.

M.L.Lan.


Fonte


*****************


Morto sulla Casilina, investitore negativo all’alcol test






Una frenata. Un impatto terribile. Le urla di disperazione dei presenti e della moglie. Poi la notizia della morte.
E’ finita così la vita di Augusto Lisi, settantaduenne di Arce che nella tarda serata di giovedì è stato travolto ed ucciso da un’auto sulla strada regionale “Casilina” , in pieno centro urbano, ad Arce. L’uomo, coniugato e padre di tre figli, pensionato e residente in località Santa Giusta, ad Isoletta d’Arce aveva da poco partecipato ad una cerimonia religiosa presso la Sala del Regno dei Testimoni di Geova. Il saluto ai confratelli per poi dirigersi, insieme alla moglie, sul margine opposto della carreggiata dove aveva parcheggiato.
Non sapeva e non poteva sapere che così facendo sarebbe andato incontro alla morte. Proprio mentre attraversava, infatti, una Peugeot 306 condotta da M.C., 38 anni residente ad Isola del Liri che tornava a casa dopo il lavoro (E’ impiegato in un’azienda di Piedimonte San Germano che produce vetri per la Fiat, ndc) lo ha urtato scaraventandolo a trenta metri circa dal punto dell’impatto. A nulla sono valsi i tentativi di strapparlo alla morte. Sul luogo, infatti, si sono portati tempestivamente prima il sanitario in servizio presso la Guardia Medica di Arce, Tonino Di Ruzza, poi un’ambulanza del 118. Ma l’uomo è morto durante il trasporto presso il punto di primo soccorso di Ceprano.
L’autopsia ha stabilito che il decesso è avvenuto a causa dell’impatto traumatico. La polizia stradale ha effettuato tutti i rilievi del caso. Il giovane, che è indagato come vuole la prassi per omicidio colposo, è stato sottoposto al test alcolemico che è risultato negativo. Tutti gli atti sono stati inviati alla Procura di Cassino. L’uomo, testimone di Geova da vent’anni, sarà tumulato presso il cimitero di Isoletta dopo un rito funebre che si terrà presso la Sala del Regno di Arce, alle 14,30 di questo pomeriggio, alla presenza di un ministro del culto. “Questa ennesima tragedia - ha affermato il sindaco di Arce Giuseppe Corsetti - rafforza le istanze da tempo presentate dal Comune all’Ente proprietario della strada affinché venga potenziata la segnaletica verticale ed orizzontale su quel tratto di Casilina”.

Immagini collegate
Clicca per ingrandireAugusto Lisi, 68 anni, Testimone di Geova
Clicca per ingrandireScreen del primo articolo
Clicca per ingrandireScreen del secondo articolo





Il primo articolo è stato pubblicato sul quotidiano Il Messaggero, in data 5 dicembre 2008, da parte della gionalista Maria Luisa Lancia, edizione di Frosinone, sezione Cronaca Locale, pagina 41; consultabile on line al sito sfoglia.ilmessaggero.it

Il secondo articolo è stato pubblicato sul quotidiano Il Messaggero, in data 6 dicembre 2008, da parte della gionalista Maria Luisa Lancia, edizione di Frosinone, sezione Cronaca Locale, pagina 37; consultabile on line al sito sfoglia.ilmessaggero.it