Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


In Azerbaigian i cristiani devono far fronte a violenze, arresti ed irruzioni



BAKU, Azerbaigian – Gennady ha 67 anni ed è parzialmente cieco. Egli considera tempo prezioso quello che può trascorrere quando si incontra con alcuni compagni di fede cristiani, ovvero altri Testimoni di Geova, per discutere in merito a passi della Bibbia, e per parlare di speranza e pace. E, nella sua nazione di appartenza, l’Azerbaigian, sulla carta la legge consente di riunirsi allo scopo di culto. Ma proprio mentre facevano questo, Gennady e sua moglie sono stati arrestati ed interrogati dalla polizia per quattro ore; la loro letteratura è stata confiscata e sono stati raccolti i loro dati personali.

In quella occasione ed in altre simili nel solo mese di giugno, i mezzi d’informazione erano stati invitati alla stazione di polizia, dove avevano potuto filmare ed intervistare i Testimoni trattenuti. Rapporti di notizie completamente distorti sono stati poi riportati sull’emittente televisiva nazionale. I Testimoni di Geova sono stati descritti come un gruppo antigovernativo, sono stati accusati di non rispettare i simboli di stato, e, cosa che localmente è considerata un insulto, sono stati condannati per aver fraternizzato con gli armeni. In luglio ed agosto sono state frequenti le interferenze durante il ministero pubblico dei Testimoni e le interruzioni durante le adunanze di congregazione, spesso per mano della polizia, e le aggressioni fisiche sono state appoggiate dalle autorità.

I Testimoni di Geova sono stati registrati in Azerbaigian il 22 dicembre 1999. Il 7 febbraio 2002, i funzionari avevano confermato la registrazione della Comunità Religiosa dei Testimoni di Geova di Baku. Ciò nonostante, essi stanno avvertendo l'aumento costante dell’intolleranza dato che le loro adunanze subiscono irruzioni più spesso, sebbene in queste occasioni essi si riuniscono al fine di "incitarsi all’amore ed alle opere eccellenti", in base alla scrittura della Bibbia di Ebrei 10:24. I Testimoni inoltre sono stati sottoposti ad interrogatori, arresti, a propaganda pubblica negativa e menzognera, e perfino a violenze fisiche.

In Azerbaigian, una nazione di otto milioni di abitanti, ci sono soltanto circa 450 Testimoni di Geova. Durante il loro evento annuale più importante, la Commemorazione della morte di Gesù, tenuta quest’anno il 24 marzo, ai Testimoni si sono uniti altri 500 ospiti interessati.



fonte