Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Perché alcuni cristiani non celebrano il Natale



Perché alcuni cristiani bellunesi non celebreranno il Natale? Uno dei motivi, anche se non il principale, è che non si conosce la data della nascita di Gesù. I vangeli non indicano né la data né il mese. I primi cristiani non lo celebravano, infatti "la prima notizia che abbiamo si riferisce a un Natale festeggiato a Roma, il 25 dicembre, nel 336".

Il nome Natale non compare nemmeno una volta nella Bibbia, nemmeno nell’ultimissima Cei-Uelci.

E allora perché il 25 dicembre? Papa Giovanni Paolo II riguardo alla data del 25 dicembre ammise: “Nell’antichità pagana si festeggiava in quel giorno la nascita del Sole Invitto, in coincidenza col solstizio d’inverno … ai cristiani apparve logico e naturale sostituire quella festa con la celebrazione dell’unico e vero Sole, Gesù Cristo” (L’Osservatore Romano, 23 dicembre 1993). La New Catholic Encyclopedia ammette: “Secondo l’ipotesi avanzata da H. Usener … e accettata dalla maggioranza degli studiosi odierni, la nascita di Cristo fu abbinata alla data del solstizio invernale (25 dicembre nel calendario giuliano, 6 gennaio in quello egiziano), perché quel giorno, mentre il sole cominciava a tornare nei cieli settentrionali, i fedeli pagani di Mitra celebravano il dies natilis Solis Invicti (genetliaco del sole invitto). Il 25 dicembre 274 Aureliano aveva proclamato il dio sole principale patrono dell’impero e gli aveva dedicato un tempio nel Campo Marzio. Il Natale ebbe origine in un tempo in cui a Roma il culto del sole era particolarmente forte”.

Questi tentativi di “cristianizzare” una festa pagana non andarono a buon fine visto che il vescovo di Feltre nel 1527 proibì, pena la scomunica, che nella Val Tesino alcuni villaggi composti da popolazioni di antica origine romana celebrassero il 25 dicembre come “Natività del Sole”.


Cristiano Cressoni
Testimoni di Geova della provincia di Belluno


Immagini collegate
Clicca per ingrandireL'articolo originale





Questo articolo è stato pubblicato sul quotidiano Il Corriere delle Alpi, in data 13 dicembre 2008, da parte di Cristiano Cressoni, rubrica Lettere e Commenti, pagina 12

© Estrazione e rielaborazione grafica a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova .net