Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Kazakistan: "Aspetteremo fino a dopo l’anno nuovo, ed allora confischeremo la sua proprietà"



Di Mushfig Bayram, Servizio Notizie del Forum 18



Il Servizio Notizie del Forum 18 ha appreso che il Kazakistan continua a violare attivamente i propri impegni internazionali sui diritti umani. In quella che è la più recente tra le tante note azioni compiute dallo stato contro il diritto di chiunque alla libertà di pensiero, coscienza e credo, un Battista sta affrontando minacce da parte delle autorità con l’obiettivo di confiscare i suoi mezzi di sostentamento per sé stesso e per la sua famiglia, a motivo del fatto che presiede il culto senza il permesso statale. Nella nazione gli Hare Krishna sono ancora oggetto di pressioni per accettare una discarica in cambio del loro terreno, ed ai Testimoni di Geova viene ancora negato il diritto ad utilizzare per le adunanze religiose un’abitazione privata ed una Sala del Regno che hanno costruito. Queste violazioni dei diritti umani hanno luogo mentre il Presidente Nursultan Nazarbaev prende in esame la nuova legge che addirittura limita ancor di più le libertà fondamentali nella nazione. Tra le tante altre infrazioni agli standard sui diritti umani internazionali, gli emendamenti della legge metterebbero al bando in maniera esplicita tutta l’attività religiosa non registrata. Il Presidente Nazarbaev è tenuto formalmente a firmare o respingere gli emendamenti successivamente al 2 gennaio 2009.


[...]

Nel frattempo i Testimoni di Geova hanno ottenuto alcuni successi nel ribaltare le decisioni dei tribunali di sospendere la loro attività nel sud del Kazakistan e nelle regioni di Kyzylorda. Vladimir Voevodin del Centro dei Testimoni di Geova ha detto al Forum 18, da Almaty il 16 dicembre, che la comunità è lieta di questi movimenti legali, ma evidenzia il fatto che rimangono ancora ostacoli al funzionamento delle comunità.

I Testimoni di Geova hanno detto che l’’Ufficio del Procuratore Generale del Kazakistan ha iniziato la procedura di ricorso contro le decisioni della corte. In una lettera del 28 ottobre indirizzata al Centro dei Testimoni di Geova di Almaty, il Procuratore Generale li ha informati che aveva ordinato ai procuratori generali nel sud Kazakistan e nelle regioni di Kyzylorda di sfidare le decisioni della corte contro i Testimoni di Geova.

I Testimoni di Geova hanno detto al Forum 18 che il Collegio di Sorveglianza della Corte Regionale del Sud Kazakistan aveva deciso, in due udienze separate il 20 novembre, di annullare le due decisioni dei tribunali nelle città di Shymkent e Saryagash. Precedentemente il 13 novembre, con una simile decisione, il Collegio di Sorveglianza della Corte Regionale di Kyzylorda aveva ristabilito l’attività dei Testimoni di Geova, la quale era pure stata sospesa precedentemente in agosto.

Il 18 dicembre la Corte Regionale del Sud Kazakistan ha rifiutato di commentare al Forum 18 in merito alle recenti decisioni. Interrogata sul fatto se la posizione delle corti nella regione sia ora cambiata verso i Testimoni di Geova, il funzionario che ha risposto al telefono ha risposto: "Nessuno dei giudici vuole rilasciare un qualsiasi commento".

Il Giudice Abdukarim Bekturganov, della Corte Amministrativa Specializzata di Shymkent, ha pure rifiutato di lasciare un commento sul perché avevano sospeso l’attività dei locali Testimoni di Geova. "Non siamo i portavoci della Corte Regionale", ha detto al Forum 18. "Chiedete a loro – sono stati gli unici ad aver preso le decisioni più recenti".

Le attività delle comunità dei Testimoni di Geova sono state messe al bando sulla scia delle massicce irruzioni compiute da varie forze dell’ordine contro le comunità dei Testimoni di Geova da luglio, ed ai responsabili delle comunità di Shymkent e Saryagash sono state date multe pesanti.

I Testimoni di Geova della città meridionale di Kentau stanno pure affrontando problemi continui con le proprietà. Voevodin ha detto al Forum 18 che un [Testimone di Geova] residente a Kentau sta ancora affrontando azioni in tribunale che provano a confiscare e demolire la sua casa. Le autorità asseriscono che la casa è stata costruita come luogo di culto quando invece dovrebbe essere stata una casa residenziale. "L’amministrazione locale vuole ancora che la casa sia distrutta ed il terreno che passi sotto la proprietà statale", ha lamentato Voevodin.

Il 18 dicembre la Corte del Sud Kazakistan ha detto al Forum 18 che la decisione del tribunale della città di Kentau è stata annullata e la causa è stata rimandata alla corte della città per una nuova udienza. Il funzionario che ha risposto al telefono ha detto che i giudici hanno rifiutato di fare commenti anche su questa causa.

Similmente nella vicina città di Shymkent, nonostante siano ristabiliti i loro diritti all’attività religiosa nella città, i Testimoni di Geova non possono ancora utilizzare la loro Sala del Regno per il culto. "Dobbiamo costruire un parafulmine fissato alla sala come chiedono i Vigili del Fuoco della città", ha risposto Voevodin. "Il lavoro sul parafulmine è in atto e dopo di ciò dovremmo ottenere il permesso dei Vigili del Fuoco".

Molte comunità religiose stanno affrontando simili attacchi sulle loro proprietà da parte delle autorità. La Chiesa della Vita Abbondante nella città nord-occidentale di Aktobe [Aqtobe], per esempio, è stata sfrattata dal suo edificio della chiesa. A Semey, nel Kazakistan orientale, i Vigili del Fuoco hanno anche addotto una scusa per impedire ad una chiesa di usare il proprio edificio.



{Note della Redazione Cristiani Testimoni di Geova.net}




Il Kazakistan, a cavallo tra Europa ed Asia, è un'ex repubblica dell'Unione Sovietica. Confina con la Russia, la Cina, il Kirghizistan, l'Uzbekistan, il Turkmenistan ed il Mar Caspio. Con poco più di 15.000.000 abitanti, prevalentemente Russi e Kazaki, si estende su una superficie di circa 2.700.000 km².
La religione maggiormente professata è il Cristianesimo di origine ortodossa seguita dai musulmani. Dopo di che vi sono piccole percentuali di protestanti e cattolici.

Rapporto dall'annuario 2008: Kazakistan

Popolazione: 15.314.000
Proclamatori: 15.681
1 Proclamatore su: 977
2007 Media Proclamatori: 15.292
Percentuale d'aumento: 5%
Battezzati anno 2007: 1.205
Numero di congregazioni: 170
Media Studi biblici: 12.258
Presenti Commemorazione: 32.160



fonte

Questo articolo è stato pubblicato sul sito del "Forum18", in data 19 dicembre 2008, da parte del giornalista Mushfig Bayram, Servizio Notizie del Forum 18 (www.forum18.org)

© Traduzione a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova .net