Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Trasfusione forzata, muore: medici condannati



"C'è una dignità anche nel processo del morire" ed è la Costituzione a garantirlo. Una dignità che nessun medico, anche se spinto dalle migliori intenzioni di cura e salvezza del paziente, può dimenticare. C'è una dignità nel morire e c'è un diritto a rifiutare un tipo di cura pur volendo continuare a vivere. Se questo diritto viene negato, qualcuno ne deve rispondere perché si scongiuri il rischio "che nell'intervento terapeutico l'attenzione si sposti dalla cura della persona alla cura in quanto tale".

La sentenza del tribunale civile di Milano che condanna un ospedale e quattro medici a risarcire la vedova di un paziente per danni morali e biologici è di un mese fa. Un uomo si ammala di tumore, una neoplasia gastrica maligna. Viene ricoverato in un ospedale milanese, i medici gli spiegano che sarà necessaria una trasfusione: ma lui è ministro di culto dei Testimoni di Geova, la sua religione non consente le trasfusioni. Così si fa trasferire in un'altra struttura, sempre a Milano. Qui - come riassume il giudice Iole Fontanella - ha rassicurazioni che la sua volontà, messa anche per iscritto, verrà rispettata. Ma tutto precipita in pochi giorni: l'uomo sta molto male, serve una trasfusione a cui lui, i suoi familiari e i suoi amici si oppongono.

"I sanitari chiedono un consulto psichiatrico da cui non emerge alcuna alterazione mentale". L'ospedale allora si fa autorizzare dal magistrato e pratica al paziente un trattamento sanitario obbligatorio che segna l'epilogo drammatico della storia. La polizia allontana i parenti e gli amici, l'uomo viene bloccato a letto e, mentre si dimena, grida che non vuole la trasfusione, prega i medici, gli vengono somministrate due sacche di sangue. Si sta per procedere con la terza ma il cuore dell'uomo cede. Un infarto.

La denuncia penale si risolve con una archiviazione perché non c'è reato. Ma il punto, nel processo civile, è un altro, e viene affrontato dal giudice anche e soprattutto alla luce della sentenza 21748 della Cassazione. La sentenza su Eluana. "Il collegio dei periti - scrive il giudice - che non ha avuto alcun dubbio nel riconoscere che la trasfusione era l'unica scelta praticabile, ha invece espresso sconcerto e imbarazzante perplessità di fronte a un comportamento dei sanitari così palesemente inadeguato e brutale", perché lo stress della trasfusione coatta "ha avuto senz'altro un ruolo concausale nel decesso".

E ancora: "I sanitari hanno violato elementari precetti deontologici e del vivere civile. C'è una dignità anche nel processo del morire che al paziente è stata negata: tutto ciò non ha niente a che fare con i concetti di cura e di prestazione sanitaria salvavita". Per il giudice Fontanella l'errore dei medici non sta nell'aver valutato la trasfusione come unico modo per salvare la vita al loro paziente. Ma nell'aver imposto quella decisione senza pensare alla "proporzionalità e l'adeguatezza" dell'azione rispetto al fine.



fonte

Questo articolo è stato pubblicato sul sito La Repubblica ed. Milano, in data 17 gennaio 2009, rubrica Cronaca (milano.repubblica.it)