Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Riconoscimento legale in Austria: rimasto in un circuito d’attesa?



VIENNA – Il Ministero Federale dell’Austria per l’Educazione, le Arti e la Cultura deve ancora decidere, alla data dell’11 gennaio 2009, in merito al riconoscimento dei Testimoni di Geova come comunità religiosa, nonostante il fatto che il termine sia scaduto senza che una decisione presa. La Corte Europea dei Diritti Umani (ECHR) aveva emesso una sentenza sei mesi prima (31 luglio 2008) a favore del diritto dei Testimoni di Geova ad ottenere il riconoscimento legale. La ECHR aveva obiettato in maniera specifica rispetto all’inattività dei legislatori austriaci. Il loro ritardo ha obbligato i Testimoni di Geova ad attendere un tempo smisuratamente lungo per il riconoscimento. A motivo dell’eccessiva lunghezza dei procedimenti, è stato violato il diritto ad un equo processo.

Johann Zimmermann, portavoce dei Testimoni di Geova in Austria, dice: “Siamo sconcertati per la lentezza dei legislatori austriaci. Mesi fa avevamo sottoposto tutte le informazioni necessarie. C’erano evidenti indicazioni secondo cui sarebbe stata raggiunta una decisione entro la fine dell’anno, certamente prima della scadenza”. Prosegue: “Siamo rimasti in attesa del riconoscimento per più di 30 anni. Finalmente, una decisione deve venire. Faremo tutto il possibile per accelerare il processo in modo che non venga nuovamente rinviato per anni. Se le relazioni con il Ministero Federale per l’Educazione non possono risolvere la questione, un primo passo sarebbe quello di presentare i fatti al Comitato dei Ministeri del Consiglio d’Europa. Speriamo che i legislatori austriaci vogliano ottemperare agli standard internazionali sui diritti umani e che il nostro riconoscimento non sarà ritardato ulteriormente”.



Contatto in Austria: Johann Zimmermann
Telefono: 0043-1-804 53 45-39; E-Mail: legal@at.wtbts.org



fonte

Questo articolo è stato pubblicato sul sito ufficiale delle Pubbliche Relazione dei Testimoni di Geova, jw-media.org, in data 23 gennaio 2009 (www.jw-media.org)

© Traduzione a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova .net