Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Il Kazakistan respinge la restrittiva proposta di legge religiosa







Astana, Kazakistan – La Corte Costituzionale del Kazakistan ha decretato che la proposta di legge, approvata dal Parlamento kazako e inviata al Presidente Nazarbayev per la firma, era incostituzionale. La proposta di legge limiterebbe di molto la libertà delle minoranze religiose. Se approvata, sarebbe messa in pericolo la loro libertà di radunarsi insieme per la preghiera e lo studio, costruire luoghi di culto, importare e distribuire letteratura religiosa, e perfino il mantenimento dello statuto legale. Anche se il Presidente Nazarbayev ha 30 giorni di tempo per firmare la legge successivamente all’obiezione della Corte Costituzionale, il Rappresentante Legale per i Testimoni di Geova è stato informato dall’ambasciata del Kazakistan che non ha intenzione di farlo.

Confermando ulteriormente l’impegno del Kazakistan ad aderire agli standard accettati a livello internazionale sui diritti umani, il Presidente Nazarbayev ha recentemente firmato e ratificato il Protocollo Opzionale del Kazakistan relativo al Patto Internazionale sui Diritti Civili e Politici (ICCPR). Ciò garantisce ai residenti in Kazakistan il diritto, dopo aver compiuti tutti i possibili ricorsi interni, di appellarsi al Comitato dei Diritti Umani dell’ONU.

In risposta a questi sviluppi positivi, Philip Brumley, il Rappresentante Legale per i Testimoni di Geova, ha dichiarato: “Questa è una buona notizia per gli oltre 16.000 Testimoni di Geova in Kazakistan e per l’intera fratellanza mondiale di oltre sette milioni di Testimoni, i quali condividono la loro gioia. Lodiamo le autorità del Kazakistan per la loro volontà e diligenza nel proteggere e sostenere i diritti umani dei loro cittadini”.

I provvedimenti del Kazakistan per proteggere i diritti delle minoranze religiose, inclusi i Testimoni di Geova, e nel firmare il ICCPR, danno un’ulteriore evidenza degli sforzi continui per conformarsi agli standard accettati a livello internazionale sui diritti umani.


Polat Bekzhan, telefono: +7 727 226 33 63
Centro Religioso dei Testimoni di Geova nella Repubblica del Kazakistan
Gregory Olds, telefono: +1-646-269-3464
Philip Brumley, telefono: +1-845-306-0711
Ufficio del Rappresentante Legale per i Testimoni di Geova



fonte

Questo articolo è stato pubblicato sul sito ufficiale delle Pubbliche Relazioni dei Testimoni di Geova, www.jw-media.org, in data 20 febbraio 2009

© Traduzione a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova .net