Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Kazakistan: L’intolleranza dei media "ha una fonte, la polizia segreta del KNB"



Di Felix Corley, Servizio Notizie del Forum 18, e Mushfig Bayram, Servizio Notizie del Forum 18


I difensori dei diritti umani e le minoranze religiose si sono lamentati al Servizio Notizie del Forum 18 di un’”ondata” di trasmissioni televisive ostili contro le comunità religiose. Credono che sia parte di una compagna promossa dal governo per guadagnare il più ampio consenso dell’opinione pubblica su una nuova Legge che limita la libertà di pensiero, coscienza e religione. "Tutti questi articoli hanno una fonte: la polizia segreta del KNB", ha detto al Forum 18 Ninel Fokina, capo del Comitato di Helsinki ad Almaty. Quando gli è stato detto che i giornalisti e i direttori hanno negato tutto questo al Forum 18, ha così risposto: "Chi mai ammetterebbe che simili trasmissioni siano pilotate?" I Protestanti come gli Avventisti del Settimo Giorno, i Battisti e i Pentecostali hanno affrontato attacchi da parte dei media, insieme a Musulmani Ahmadi, alla comunità degli Hare Krishna ed i Testimoni di Geova. Uno dei tanti esempi di intolleranza dei media riguarda quattro diversi giornali che hanno pubblicato un articolo identico contro i Testimoni di Geova. Uno dei giornali ha attribuito l’articolo a un ex Testimone di Geova citato, un altro ad un autore diverso, mentre gli altri due giornali lo hanno attribuito agli ufficiali della polizia segreta del KNB in diverse regioni del Kazakistan.


[...]

Non sono solo le comunità Protestanti come gli Avventisti del Settimo Giorno, i Battisti ed i Pentecostali ad affrontare attacchi da parte dei media, ma le trasmissioni televisive ostili si sono estese ai Musulmani Ahmadi, alla comunità degli Hare Krishna ed ai Testimoni di Geova.

Il crescente utilizzo dei mezzi di comunicazione sta ruotando attorno ad asserzioni da parte di individui che avevano lasciato queste comunità. L’ex Testimone di Geova Bakhitbek Tarzhanov e gli ex Ahmadi Aleksei Tolchennikov e Yerlan Bektimirov sono stati ripetutamente intervistati in televisione e nei giornali criticando le loro precedenti fedi. Il 1° dicembre la stazione televisiva commerciale KTK ha intervistato i due ex Ahmadis, dichiarando nel suo sommario delle notizie: "La nuova Legge Religiosa deve essere più dura – questa è l’opinione degli ex appartenenti alle sette".

Nurym Taibek della comunità Ahmadi ha detto al Forum 18 il 4 febbraio che Tolchennikov era stato escluso dalla comunità perché beveva alcool e per irregolarità finanziarie e ha evidenziato che "ha percepito soldi" per le ripetute dichiarazioni ai media. Si è anche lamentato del fatto che i loro rappresentanti sono stati inviati diverse volte ai dibattiti televisivi insieme ai rappresentanti del Consiglio Musulmano appoggiato dallo stato, ma mentre i commenti "calunniosi" contro la comunità Ahmadi sono stati mostrati in televisione, le loro proprie risposte venivano tagliate.

I quattro diversi giornali hanno pubblicato, a febbraio e marzo 2008, un articolo identico contro i Testimoni di Geova, citando il loro ex membro Tarzhanov. Nell’ambito di un evidente segnale del coinvolgimento della polizia segreta del KNB, uno dei giornali ha dato Tarzhanov come autore, uno lo ha attribuito a un nome diverso, Kharuan Yakhniya, uno al KNB della Regione di Atyrau ed uno al KNB della Regione di Almaty.

I Testimoni di Geova hanno detto al Forum 18 da Almaty che Tarzhanov potrebbe essere stato impiegato per gettare discredito sull’organizzazione attraverso i media. "Simili attacchi dei media hanno preso piede troppo rapidamente". Hanno detto che non è chiaro se è una coincidenza che gli articoli contro i Testimoni di Geova e altri gruppi religiosi hanno coinciso con il fatto che la nuova Legge ha raggiunto la sua ultima fase. "Tuttavia, se entra in vigore, la Legge Religiosa limiterebbe gravemente l’esercizio della nostra religione".

I notiziari televisivi ostili hanno anche coinciso con il lancio di un nuovo network, l’Associazione dei Centri per i Rapporti con le Vittime dei Movimenti Religiosi Distruttivi, della quale è parte il centro di Kokshetau. Un centro era stato in origine fondato da Yulia Denisenko a Kostanai diversi anni fa, ma, come ha lei detto al Forum 18 il 5 febbraio, ora ha sette centri nell’Associazione. "Un ottavo è stato aperto ora e verso la fine dell’anno avremo un centro in ciascuna regione del Kazakistan".

Ha detto che i centri operano contro i movimenti religiosi che sono "contro la famiglia, l’individuo, la società e lo stato". Non ha fatto nomi di qualche gruppo che ritiene rientri in questa categoria, ma ha indicato al Forum 18 che il sito web con base a Mosca gestito dall’attivista contro le sette Aleksandr Dvorkin le ha dato per primo l’idea per avviare una simile iniziativa in Kazakistan.

Denisenko ha sostenuto al Forum 18 che il centro di Kostanai e l’Associazione sono organizzazioni non governative, ma ha ammesso che la maggior parte dei finanziamenti provengono dal governo. "Prepariamo progetti e li facciamo concorrere nelle gare per i finanziamenti del governo dal quale ne otteniamo il sostegno in caso di vittoria". Ha detto inoltre che i centri mantengono stretti legami con gli Akimat locali, il Ministero della Giustizia, il Ministero della Cultura e l’Amministrazione Presidenziale, ma "più di tutti" con il Comitato per gli Affari Religiosi del Ministero della Giustizia.


{Note della Redazione Cristiani Testimoni di Geova.net}




Il Kazakistan, a cavallo tra Europa ed Asia, è un'ex repubblica dell'Unione Sovietica. Confina con la Russia, la Cina, il Kirghizistan, l'Uzbekistan, il Turkmenistan ed il Mar Caspio. Con poco più di 15.000.000 abitanti, prevalentemente Russi e Kazaki, si estende su una superficie di circa 2.700.000 km².
La religione maggiormente professata è il Cristianesimo di origine ortodossa seguita dai musulmani. Dopo di che vi sono piccole percentuali di protestanti e cattolici.

Rapporto dall'annuario 2008: Kazakistan

Popolazione: 15.314.000
Proclamatori: 15.681
1 Proclamatore su: 977
2007 Media Proclamatori: 15.292
Percentuale d'aumento: 5%
Battezzati anno 2007: 1.205
Numero di congregazioni: 170
Media Studi biblici: 12.258
Presenti Commemorazione: 32.160



fonte

Questo articolo è stato pubblicato sul sito del "Forum18", in data 5 febbraio 2009, da parte del giornalista Felix Corley e Mushfig Bayram, Servizio Notizie del Forum 18 (www.forum18.org)

© Traduzione a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova .net