Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Prove storiche per la Bibbia






Se la Bibbia è narrata dall'infallibile parola di Dio, come si afferma in 2 Tim. 3:16 e 2 Pietro 3:16 e 1:21, ci si aspetta che vi sia qualche evidenza a supporto di queste affermazioni. Dopo tutto, solo perché si afferma di qualcosa che sia la parola di Dio non significa che sia vero. Prendiamo in esame le testimonianze storiche per chiedere la prova di sostegno o negare credito alla Bibbia?

Tre le prove che possono essere applicate alla Bibbia, per vedere se essa presenta le caratteristiche di un libro divino, senza errore. In primo luogo, la prova esterna dovrebbe la conferma della veridicità della Bibbia in settori che siamo in grado di indagare. In secondo luogo, la prova interna deve dimostrare che, in un modo o l'altro, la Bibbia è unica. Sebbene queste prove siano in grado di stabilire l'attendibilità della Bibbia, e di dare sostegno alle sue affermazioni, non possono provare la sua ispirazione. Tuttavia, la terza prova, una breve panoramica della profezia biblica, servirà effettivamente servire per verificare il credito di ispirazione divina.

La testimonianza della storia

L'evidenza esterna, sia dalle prove archeologiche sia dalle testimonianze di scrittori non-cristiani, conferma che la Bibbia - Antico e Nuovo Testamento - è un documento storico di fiducia. L'archeologo Joseph Free ha detto: "L'archeologia ha confermato innumerevoli passaggi, che erano stati respinti dalla critica come antistorici o contrari ai fatti noti".

1 Il famoso archeologo ebreo Nelson Gluek ha detto confidenzialmente: "Si può affermare categoricamente che nessuna scoperta archeologica abbia mai smentito un riferimento biblico. I reperti archeologici confermano in modo chiaro e con dettagli storici precisi le dichiarazioni contenute nella Bibbia".

2 L'apologeta cristiano Josh McDowell ci dice che "Dopo aver personalmente cercato di spezzare la storicità e la validità delle Scritture, sono giunto alla conclusione che esse sono storicamente attendibili".

3 Alcuni studiosi dissero una volta che Mosè non avrebbe potuto scrivere i primi cinque libri della Bibbia (come dice la Bibbia), perché la scrittura era ampiamente sconosciuta alla sua epoca. Poi, l'archeologia ha provato il contrario con la scoperta di molti altri codici scritti del periodo: il codice di Hammurabi (ca. 1700 a.C.), il codice Lipit-Ishtar (ca. 1860), e le leggi di Eshnunna (ca. 1950 a.C.) .

I critici usavano dire che la descrizione biblica dell'Impero Hittita è sbagliata perché si pensava che tale Impero non esistesse! Poi gli archeologi hanno scoperto la capitale hittita nel 1906 e hanno scoperto che gli Hittiti sono stati effettivamente una civiltà molto grande e importante.

Prove archeologiche e linguistiche puntano sempre più alla data del sesto secolo a.C., per il libro di Daniele, nonostante le numerose critiche, che tentano di proporre una data più tarda e ne fanno una profezia scritta dopo che i dettagliati eventi previsti si erano verificati. Per il Nuovo Testamento, il Dott. GR Habermas ricorda che entro 110 anni della crocifissione di Cristo, circa 18 fonti non cristiane citano più di "100 fatti, le credenze, e gli insegnamenti della vita di Cristo e l'inizio della cristianità. Questi elementi, mi permetto di aggiungere, parlano di quasi tutti i principali dettagli della vita di Gesù, compresi i miracoli, la risurrezione, e le sue pretese di divinità ".

4 Sir William Ramsey, uno dei più grandi archeologi di sempre, ha dimostrato che Luca non ha fatto errori nei riferimenti a 32 paesi, 54 città, e a nove isole. Gli studiosi liberali sostenevano che una città di nome Nazareth non esisteva al tempo di Gesù, fino a quando l'archeologia degli ultimi decenni, ha confermato la sua esistenza.

Le descrizioni fatte nel Vangelo del tempio, del tribunale di Pilato, della corona di spine di Gesù, e le modalità della sua esecuzione sono state inoltre confermate. La lista è infinita. La prova storica dimostra chiaramente che la Bibbia è un documento storico attendibile. Dato che la Bibbia può essere di fiducia in settori che si possono verificare (la sua storia), quindi questo ci dà un motivo di fiducia in settori che non possiamo controllare (la sua ispirazione).

L'unicità della Bibbia

La prova interna rivela nella Bibbia una sorprendente coerenza. La Bibbia è stata scritta da oltre 40 autori, in 3 lingue, in 3 continenti, in un arco di 1500 anni, e riguarda centinaia di temi controversi. Tuttavia, gli autori intervengono tutti d'accordo, non ci sono contraddizioni.

5 Dalla Genesi all'Apocalisse, vi è uno sviluppo storico senza strappi. della redenzione divina del genere umano.

Profezia della Bibbia

Le prove esterne e interne non dimostrano l'ispirazione della Bibbia, ma rivelano che l'obiettivo è coerente con le prove e motiva la pretesa della Bibbia quando afferma di essere un libro divina (perché i libri che si dicono scritti da parte di Dio devono essere affidabili e coerenti con se stessi). La profezia biblica, tuttavia, non può essere spiegata dalla rivelazione e ispirazione divina. Ci sono centinaia di profezie della Bibbia, che sono state letteralmente soddisfatte, in molti casi, e secoli dopo il completamento della Bibbia. Qualsiasi tentativo di post-datare queste profezie diventa impossibile - vi è una copia di ogni libro dell'Antico Testamento, almeno da prima 150 a.C., e centinaia di queste profezie non si sono verificate fino al secolo successivo. Per una discussione approfondita di questo settore, si veda Evidence that Demands a Verdict, scritto da Josh McDowell.

Alcune profezie sono soddisfatte da Gesù: Michea 5:2, dove Egli ha rivelato che sarebbe nato; Isaia 53: dettaglia la sua sofferenza presso la croce e la risurrezione, il Salmo 22 è una sorprendente profezia della crocifissione.

Norman Geisler spiega che la previsione di Ezechiele che la città di Tiro "sarebbe stata distrutta e le sue rovine gettate in mare (26:2). sembrerebbe arrogante, perché, quando Nebucadnetsar distrusse Tiro, lasciò i resti dove si trovavano - sulla terra. Ma 200 anni dopo, Alessandro il Grande attaccò Tiro e gli abitanti si ritirarono per la loro sicurezza in un'isola al largo della costa. Al fine di raggiungere l'isola, Alexander gettò tutti i detriti, pietre, legni, polvere, e tutto il resto, in mare per costruire una strada rialzata che raggiungesse l'isola ".

6 Se eventi tanto futuri possono essere previsti con precisione, sicuramente gli eventi del passato sono stati registrati con precisione!

Il testo della Bibbia è stato modificato nel corso dei secoli?

Un ultimo test indaga se la Bibbia è stata danneggiata attraverso i secoli, nella sua trasmissione. Se è stato notevolmente cambiato, ciò non sarebbe rilevante per noi, poiché l'ispirazione non si estende a qualsiasi copia del manoscritto. Come possiamo sapere se la Bibbia che abbiamo oggi è la stessa di quella che è stata scritta, oppure no?

La questione trova una risposta dalle prove dei riferimenti bibliografici. Questo test esamina il numero di copie manoscritte esistenti, il loro accordo l'una con l'altra, relativo al testo delle copie, e l'intervallo di tempo tra le copie e la data della scrittura originale. Tutti gli studiosi concordano sul fatto che questa prova ha definitivamente stabilito che il testo biblico, che abbiamo adesso, è quasi identico a quello che era originariamente stato scritto (per entrambi, Antico e Nuovo Testamento). Sir Frederick Kenyon, che non era secondo a nessuno nel rilasciare dichiarazioni su manoscritti, ha detto del Nuovo Testamento: "L'intervallo tra le date di composizione originale e la prima esistente, vale a dire la prima copia che abbiamo, è diventato così piccolo da essere in realtà trascurabile, e l'ultimo fondamento per qualsiasi dubbio che le Scritture siano giunte fino a noi sostanzialmente come sono state scritte è stato rimosso. Sia l'autenticità sia l'integrità generale del Nuovo Testamento può essere considerata come definitiva."

La redazione CristianiTestimonidiGeova .net consiglia in merito, la visione della seguente fotogallery:
Le copie più antiche dei manoscritti biblici


7 Egli ha inoltre affermato che, "Nessuna fondamentale dottrina della fede cristiana si fonda su una lettura contestata". La scoperta dei rotoli di Qumran, che datano dal 200 aC al 68 dC, includeva una copia di ogni libro del Testamento ad eccezione di uno. Un confronto con il testo di 1000 anni più tardi, dimostra poca o nessuna variazione tra di loro.

Conclusione: La prova storica dimostra che la Bibbia può essere considerata attendibile. L'idea comune che la Bibbia è inattendibile o "solo un mito" è infondata. La prova interna rivela l'unicità della Bibbia, una cosa, che sarebbe difficile da spiegare se fosse solo un libro umano. Queste due prove danno credibilità interna alla Bibbia quando afferma di essere la parola di Dio ". La testimonianza di previsione della profezia, tuttavia, ci porta un passo avanti, e conferma la Bibbia quando afferma di essere ispirata da Dio ". Infine, la Bibbia non è stata modificata attraverso i secoli. L'evidenza dimostra che vi è una buona ragione di credere nella Bibbia.



Si consiglia inoltre la visione, sul sito Ufficiale dei Testimoni di Geova, del seguente articolo:
Si può avere fiducia nella Bibbia?



fonte

Questo articolo è stato pubblicato sul sito La porta del tempo, in data 22 Aprile 2009, rubrica Archeologia Biblica (www.laportadeltempo.com)