Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Una nuova “casa” per i Testimoni di Geova?



Risale a circa un mese e mezzo fa la richiesta al Comune di Favria da parte dell’Associazione Testimoni di Geova di Rivarolo di realizzare una Sala del Regno dei Testimoni di Geova su un terreno di loro proprietà a Favria.

Si tratterebbe della disponibilità da parte dell’Associazione presieduta da Dionino Dell’Orefice di immobili per una superficie complessiva di 12.930 metri quadri. L’immobile è attualmente classificato nel vigente Piano regolatore di Favria come area agricola e i Testimoni di Geova chiedono pertanto al Comune, all’atto della predisposizione di una variante al piano regolatore, che possa essere consentita la realizzazione di una Sala del Regno costituita da un fabbricato destinato a servizi ad un piano fuori terra di circa 500 mq, rendendosi disponibili ad affrontare la discussione della richiesta con l’attuale Amministrazione.

La Sala del Regno è il nome del luogo di culto usato dai Testimoni di Geova ed è caratterizzata dalla semplicità e dall'assenza di icone e immagini religiose.

Le loro funzioni religiose settimanali sono chiamate "adunanze" e non hanno alcuna ritualità liturgica, ma consistono in discorsi, trattazioni a sfondo biblico e studio della rivista ufficiale della congregazione, mentre il cantico e la preghiera aprono e chiudono dette riunioni.



fonte

Questo articolo è stato pubblicato sul sito Local Port, in data 14 maggio 2009, da parte del giornalista Francesca Dighera, rubrica Attualità (www.localport.it)