Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Chirurgia cardiaca senza trasfusioni di sangue




Il dott. M. Kalyanasundaram esamina il bambino che è stato sottoposto
ad un intervento di chirurgia a cuore aperto senza trasfusioni di sangue,
presso l'ospedale Kuppuswamy Naidu Memorial Hospital di Coimba.



Coimbatore: Un bambino di 3 anni di Dindigul è stato sottoposto ad un intervento cruciale di chirurgia a cuore aperto senza trasfusioni di sangue, presso un ospedale privato locale.

Un team di medici guidati dal dott. P. Chandrasekar, consulente di chirurgia cardio-toracica, e dal dott. M. Kalyanasundaram, cardiologo pediatra del G. Kuppuswamy Naidu Memorial Hospital (GKNMH), hanno eseguito lo scorso martedì l’operazione di 4 ore su Asaph, che soffriva di un disturbo cardiaco cianotico congenito.

Questo disturbo è un difetto cardiaco, presente dalla nascita, che risulta in bassi livelli di ossigeno nel sangue. Questo difetto influenza la struttura e le funzioni del cuore e dei vasi sanguigni. I bambini che ne sono affetti vengono spesso definiti ‘bambini blu’. I medici del GKNMH hanno deciso di operare il paziente senza l’impiego di trasfusioni di sangue, rispettando i suoi diritti e le credenze religiose dei suoi genitori (che sono testimoni di Geova), che non permettono le trasfusioni di sangue.

In un’intervista, rilasciata al The New Indian Express, il dott. Chandrasekar ha detto che effettuare questo tipo di operazioni senza sangue è molto difficile anche con gli adulti.

“In questo caso il paziente era un bambino di soli tre anni, oltre ad essere un ‘bambino blu’. E i suoi genitori, rifiutando le trasfusioni in favore di altre alternative, hanno reso l’operazione una sfida per tutti noi”, ha detto.

“Nostro figlio ora sta bene. Possiamo tornare a casa con la coscienza pulita, dato che le nostre credenze sono state rispettate dai medici. Inoltre possiamo evitare di temere qualsiasi effetto collaterale delle trasfusioni di sangue”, hanno detto i genitori.



fonte

Questo articolo è stato pubblicato sul sito Express Buzz, in data 5 febbraio 2009, da parte del giornalista Daniel Raj, rubrica States, sezione Tamil Nadu (www.expressbuzz.com)

© Traduzione a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova .net