Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Chirurgia a cuore battente senza trasfusioni di sangue al Wockhardt Hospital



Un complicato intervento di chirurgia a cuore battente è stato realizzato, dal team cardiologico del Wockhardt Hospital di Mumbai, senza l’impiego di trasfusioni di sangue su un paziente di 59 anni. Quest’ultimo soffriva di una disfunzione all’arteria coronaria, che riduceva la capacità di pompaggio del cuore al 20%. In più soffriva di diabete di tipo 2 ed era sottopeso. Il valore della sua emoglobina era uno scoraggiante 8.5, contro il livello standard di 13-15.

“Il paziente necessitava una procedura di CABG (Coronary Artery Bypass Graft, ovvero l’innesto di bypass aortocoronarico), per aumentare la capacità di pompaggio del cuore”, spega il dott. Ajay Chaughule, chirurgo cardiovascolare del Wockhardt Hospital, che ha eseguito l’intervento con il suo team.

Essendo un testimone di Geova, il paziente era contrario alle trasfusioni di sangue, e non era nemmeno in condizione di usare sangue autologo. Così l’altra opzione suggeritagli dai medici è stata quella del recupero intraoperatorio. Con questa procedura il sangue perso durante l’operazione può essere aspirato e filtrato, per estrarne i globuli rossi da reinfondere successivamente. Ma i costi di questa procedura non erano sostenibili dal paziente.

L’altra migliore alternativa era quella di somministrare al paziente degli agenti terapeutici specifici per alzare l’emoglobina e la qualità del sangue in generale. Dice il dott. Chaugle: “Abbiamo messo il paziente sotto agenti ematinici per circa un mese, e i risultati sono stati abbastanza incoraggianti, con il suo valore di emoglobina che è passato da 8.5 a 11”. Con questi valori incoraggianti i medici hanno potuto eseguire l’operazione di tre ore. Il paziente è stato dimesso dopo tre giorni dall’operazione. “Interventi simili sui testimoni di Geova sono già stati eseguiti in passato, ma erano le complicazioni ed i rischi associati a questo paziente a rendere il suo un caso raro”, ha detto il dott. Chaughule.



fonte

Questo articolo è stato pubblicato sul sito Express Healthcare, in data Luglio 2009, rubrica Market (www.expresshealthcaremgmt.com)

© Traduzione a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova .net