Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Bloccate spedizioni di letteratura in Russia

Incidente casuale o nuova tendenza?





S. Pietroburgo, Russia - Una spedizione di letteratura religiosa destinata al Centro Amministrativo dei Testimoni di Geova in Russia, è stata trattenuta alla frontiera russa confinante con la Finlandia a Vyborg, regione di Leningrado. La procedura d'importazione generalmente senza interruzioni, è stata bloccata quando i funzionari doganali hanno fatto riferimento ad un nuovo ordine il quale stabiliva che quel carico doveva essere ispezionato da uno speciale dipartimento.

La detenzione della letteratura è iniziata il 5 Ottobre 2009. Dopo un'attesa di tre giorni, arrivò un servizio di agenti speciali che senza preavviso mise in atto un'ispezione molto insolita e dettagliata su ciascun oggetto di ogni box facente parte dei 31 pallet delle spedizioni di letteratura. Gli agenti, rappresentati da Goncharenko, Nikolayev e Grudakov, ottennero l'accesso ai locali doganali usando l'identità di dipendenti del Dipartimento responsabile della gestione di Forme pericolose di Contrabbando della Divisione Doganale Operativa del Nord-Ovest. Non fu provvista alcuna informazione circa quello che gli agenti cercavano, circa la durata di quel procedimento o circa il momento in cui le spedizioni sarebbero state rilasciate. Finalmente il 19 ottobre giunse una vaga dichiarazione scritta da parte dei funzionari doganali ai Testimoni di Geova che precisava: "La letteratura può contenere materiale finalizzato all'incitamento della discordia religiosa". Per il rilascio della letteratura, i funzionari chiedevano "documentazione attestante nessuna restrizione sull'importazione delle merci dichiarate nel territorio doganale".

Pochi giorni prima, un veicolo merci appartenente alla Compagnia di trasporti tedesca di Globalsped, fu trattenuto al confine russo presso Briansk nel suo tragitto verso la Russia, a Kyrgyzstan. Il veicolo trasportava letteratura religiosa dei Testimoni di Geova in lingua Kyrgyzstana assieme ad altri prodotti destinati a diversi committenti. Dopo un sequestro da parte della Dogana Russa di 14 giorni complessivi, senza alcuna spiegazione in merito, la spedizione fu finalmente rilasciata il Giovedì 13 Ottobre. All'autista fu riferito che la letteratura dei Testimoni di Geova era stata bandita dalla Russia.

Tali azioni senza precedenti, sembrano verificarsi in risposta alla sentenza della Corte del Distretto di Rostov la quale definì le pubblicazioni dei Testimoni di Geova "estremiste". Comunque, poiché la decisione della Corte del Distretto di Rostov, è stata appellata alla Suprema Corte della Federazione Russa e non c'è stata ancora risposta, la detenzione della letteratura risulta infondata e illegittima.



fonte

Questo articolo è stato pubblicato ed aggiornato sul sito ufficiale delle Pubbliche Relazioni dei Testimoni di Geova, www.jw-media.org, in data 21° ottobre 2009

© Traduzione a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova .net