Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Su chi e su che cosa ha influito la sentenza della Corte Suprema Russa?



TAGANROG, Russia - "Quarant'anni fa, sono diventato uno dei Testimoni di Geova e per molti anni sono stato membro della Congregazione di Taganrog. Ho allevato i miei figli in questa comunità. Perché la Corte Suprema del mio paese mi direbbe che non posso adorare qui?" Yevdokiya Gluschenko, 69 anni, ha reagito con incredulità alle novità conseguenti la sentenza dell'8 Dicembre della Corte Suprema della Federazione Russa.


Un’assemblea dei Testimoni di Geova in Taganrog


Altri membri della congregazione, amici Yevdokiya, hanno espresso preoccupazione per la loro sicurezza ora, e per la sicurezza delle loro famiglie. Essi si lamentano che la Corte Suprema non abbia rispettato il loro diritto di continuare a scegliere la propria fede e che abbia anche dichiarato "estremisti" 34 pezzi della loro letteratura biblica. Tra quelle pubblicazioni è il libro Cosa Insegna Realmente la Bibbia? impiegato come principale libro di testo che i Testimoni di Geova usano nel loro ministero pubblico per rispondere alle domande più comuni. Fin dal 2005, il libro è stato reso disponibile al pubblico in generale nei paesi di tutto il mondo, compresa la Russia, ma ora è stato considerato "estremista" da parte dei tribunali Russi.

I membri della congregazione non sono soli nelle loro preoccupazioni. Molti osservatori obiettivi ne stanno discutendo. Lyudmila Alexeyeva, Presidente del Gruppo Internazionale di Helsinki di Mosca, ha commentato che "I seguaci di tutte le religioni ritengono la loro come l'unica sola vera religione, e solo al gruppo non rispettoso della legge dovrebbe essere negato tale diritto dalla Società. Altrimenti si torna all’intolleranza religiosa non solo dell’era Sovietica, ma del Medioevo." La Sig.ra Alexeyeva ritiene che i Testimoni di Geova avranno bisogno di ricorrere alla Corte Europea dei Diritti Umani e che la decisione della corte Russa in ultima analisi, sarà revocata. "Nel frattempo," lei dice, "mi dispiace ammettere che agli occhi della comunità Europea la Russia sembrerà simile ad un paese barbaro, medievale e intollerante verso le minoranze religiose".

Richiamando alla memoria ciò che è accaduto alla Congregazione di Taganrog, un tribunale di grado inferiore di Gorno-Altaysk si è già pronunciato contro la Congregazione di Gorno-Altaysk ed ha dichiarato come "estremiste" 18 pubblicazioni religiose - {Nota a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova.net} dei Testimoni di Geova. La data 23 Dicembre 2009, era stata fissata per l’udienza in appello alla Corte Suprema della Repubblica Altay. Tuttavia, il 17 Dicembre 2009, la Corte ha restituito gli incartamenti del caso al Tribunale Civile di Gorno-Altaisk. La nuova data per l'udienza non è ancora stata stabilita.


Contatti:
Russia: Yaroslav Sivulskiy, Telefono: +7 911 087 80 09
Grigory Martynov, Telefono: +7 911 101 76 24
USA: James E. Andrik, Telefono: + 1 845 306 0711
Europa: Marc Hansen, Telefono: + 32 2 782 0015



fonte

Questo articolo è stato pubblicato ed aggiornato sul sito ufficiale delle Pubbliche Relazioni dei Testimoni di Geova, www.jw-media.org, in data 18 dicembre 2009

© Traduzione a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova .net