Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


L' Uzbekistan nega l'amnistia dopo "attività religiosa illegale"



TASHKENT, Uzbekistan - Tre dei Testimoni di Geova, che rimangono in carcere per condanne fino a quattro anni con l'accusa di organizzare "attività religiose illegali" sono stati esclusi da considerazioni di amnistia.

Nel 2008, Abdubannob Ahmedov e Sergey Ivanov sono stati condannati rispettivamente a quattro anni e a tre anni e mezzo di carcere, in Margilan, nella Regione Fergana, in Uzbekistan, per aver organizzato attività religiose illegali. Olim Turayev, un medico sposato e padre di tre figli, recentemente ha completato il primo anno dei suoi quattro anni di reclusione in una colonia di lavoro vicino a Samarcanda, anche lui accusato di "attività religiosa illegale" e di insegnare la religione.

Lo stesso giorno che una domanda di amnistia fu presentata a nome di Olim Turayev, egli stesso fu trovato colpevole di "violare la routine carceraria." Ai prigionieri colpevoli di un tale violazione non può essere concessa l'amnistia. Turayev è stato immediatamente trasferito da una colonia di lavoro "aperto" ad una colonia di lavoro "generale" in Tavaksai, nella Regione di Tashkent.

Anche Abdubannob Ahmedov successivamente è stato accusato di "violare la routine carceraria." Di conseguenza, Ahmedov non ha più i requisiti per ricevere l'amnistia ed è stato trasferito alla colonia di lavoro generale di Navoi (nei pressi di Samarcanda). Sergey Ivanov verrà trattenuto nella colonia di lavoro in generale di Tavaksai, nella Regione di Tashkent.

Anche gli appelli sulle condanne di questi tre sono stati negati. Una richiesta formale presentata in loro favore alla Commissione di Stato per gli Affari Religiosi dell'Uzbekistan, a sostegno di una amnistia per i Testimoni di Geova che sono in carcere per aver praticato la loro fede, non ha avuto successo. I Testimoni di Geova continuano a cercare un dialogo costruttivo con le autorità Uzbeke per quanto riguarda questi prigionieri.


Contatto U.S.A.: Philip Brumley, telefono (845) 306-0711
Contatto in lingua Russa: Yuriy Toporov, telefono +7-727-232-36-62



fonte

Questo articolo è stato pubblicato ed aggiornato sul sito ufficiale delle Pubbliche Relazioni dei Testimoni di Geova, www.jw-media.org, in data 30 dicembre 2009

© Traduzione a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova .net