Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Gli ONG mettono in guardia sulla libertà di coscienza in Russia



I difensori dei diritti dell'uomo denunciano i sempre più numerosi ricorsi giudiziari per estremismo religioso.

La libertà di coscienza e la laicità dello Stato sono in pericolo in Russia, hanno dichiarato il 25 gennaio, dei difensori dei diritti dell'uomo, che hanno denunciato in particolar modo i crescenti ricorsi giudiziari per estremismo religioso. Un rapporto dell'Istituto sulla libertà di coscienza (ILC) e del gruppo Helsinki cosi denunciano il ricorso ingiustificato della legge contro l'estremismo come strumento di pressione e la restituzione “illegale” dei beni alla Chiesa ortodossa Russa e l'introduzione di corsi di religione ortodossi a scuola.

“Abbiamo bisogno di riforme per garantire il rispetto della libertà di coscienza” esprime Sergueï Bourianov, membro di questo istituto, qualificando “catastrofico” il bilancio del 2009 nel corso di una conferenza stampa . “La legge contro l'estremismo viene oggi impiegata come articolo del codice penale sovietico reprimendo le attività anti-sovietiche.”, sottolinea Vladimir Oïvine, capo redattore vice del portale credo.ru, un sito specializzato in argomenti religiosi.

“I procuratori continuano le indagini”

In particolare i musulmani sono perseguiti per quanto riguarda l'estremismo. Le forze dell'ordine utilizzano “il termine assurdo islam non-tradizionale” per giustificare le loro inchieste, ha sottolineato Elena Riabinina, esperta dell' associazione Memoriale dei problemi incontrati dai profughi originari delle repubbliche musulmane dell'Asia centrale. “Più di 500 verifiche hanno avuto luogo nel 2009 contro i Testimoni di Geova” per ordine del procuratore generale della Russia, fa notare ancora il rapporto dell' ILC e aggiunge: “Nessuna violazione che permetteva il divieto dell'organizzazione è stato scoperta, ma i procuratori continuano le indagini”. Degli inseguimenti massicci contro i Testimoni di Geova sono stati organizzati nella Germania nazista e in Unione sovietica. “Non seguiamo esempi migliori”, ha sottolineato Vladimir Oïvine.

Un'altra vittima, la Chiesa ortodossa autonoma, ramo dissidente degli Ortodossi, si è visto confiscare dieci chiese nella regione di Souzdal (200 km a est di Mosca ).



fonte

Questo articolo è stato pubblicato sul sito Nouvel Obs, in data 25 gennaio 2010, sezione Actualités, rubrica International - Europe (tempsreel.nouvelobs.com)

© Traduzione a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova .net