Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


BIELORUSSIA: La Legge sul Servizio Alternativo è stata ritirata mentre un prigioniero è in attesa di giudizio



di Felix Corley, Forum 18 Servizio News

Arrestato dalla Bielorussia il 15 Dicembre, dopo che le sue richieste di prestare il servizio civile sono state respinte, l’ Ebreo Messianico Ivan Mikhailov è dovuto andare sotto processo il 29 Gennaio con l'accusa di rifiutare il servizio militare obbligatorio, ha rivelato a Forum 18 Servizio News la Corte di Distretto di Minsk. Nel Novembre 2009, dopo un intervallo di nove anni, Dmitry Smyk, un Testimone di Geova di Gomel, è stato riconosciuto colpevole con la stessa accusa e gli è stata imposta una multa pesante, contro cui egli ha presentato una richiesta in appello. Una legge sul Servizio Alternativo venne inizialmente inclusa nel Programma Legislativo del 2010, ma all'ultimo momento è stata rimossa "per qualche ragione", ha detto a Forum 18 un funzionario del Centro Nazionale per la Legislazione e la Ricerca Legale. La mancata introduzione di un servizio alternativo giunge un decennio dopo una sentenza della Corte Costituzionale che invece dichiara la sua introduzione "urgente". Nel frattempo, la Corte Suprema ha negato ai Testimoni di Geova di Gomel il diritto di contestare un richiamo ufficiale scritto, nonostante una decisione della Corte Costituzionale del 2007 che sostiene il diritto delle organizzazioni religiose 'di presentare tali ricorsi.

[...]

Caduta la Legge sul Servizio Alternativo

Una Legge sul Servizio Aternativo venne inizialmente inclusa nel Programma Legislativo del 2010. Tuttavia, all'ultimo minuto è stata rimossa "per qualche ragione", prima che il Programma venisse approvato con decreto presidenziale il 4 Gennaio, ha detto a Forum 18 il 18 Gennaio un funzionario del Dipartimento della Normativa sulla Sicurezza Nazionale e sull’Attività delle Forze dell’Ordine presso il Centro Nazionale per la Legislazione e la Ricerca Legale. "Il Presidente ha firmato il decreto senza di essa," ha commentato il funzionario che ha chiesto di rimanere nell’anonimato. Avendogli chiesto il motivo per cui era stata rimossa, il funzionario ha risposto: "Chiedetelo all'Amministrazione Presidenziale."

Il telefono dell’Ufficio Stampa dell’Amministrazione Presidenziale ha squillato senza risposta, il 18 Gennaio.

Il Colonnello Sergei Puzakov della Squadra Generale del Ministero della Difesa ha risposto il 15 Gennaio al Tut. dell’agenzia di news dicendo che un progetto di Legge per il Servizio Alternativo era sotto esame da parte del Parlamento. Tuttavia, la Commissione di Sicurezza Nazionale, la Commissione dei Diritti Umani e la Commissione del Lavoro e della Protezione Sociale della Camera dei Rappresentanti, la camera più bassa del Parlamento, il 18 Gennaio hanno tutte negato a Forum 18 che un tale progetto di Legge stia venendo preso in considerazione o sia stato considerato negli ultimi anni.

Un precedente tentativo di adottare una Legge sul Servizio Alternativo è stato respinto dal Parlamento nel 2004.

Cambiamento "Urgente" ordinato nel 2000

Il fallimento all'introduzione di un'alternativa al servizio militare giunge nonostante una sentenza della Corte Costituzionale di quasi dieci anni fa, relativa al fatto che la Legge dovrebbe essere cambiata. La sentenza della Corte Costituzionale di Maggio 2000 ha invocato come "urgente" l'adozione di una Legge per il Servizio Alternativo o di un emendamento nella Legge sull’ Obbligo del Servizio Militare (vedi F18News 20 October 2009 http://www.forum18.org/Archive.php?article_id=1364).

"Sono d'accordo che questa sentenza non è stata eseguita, ma ogni decisione viene portata avanti nella sua specifica maniera," ha detto a Forum 18, il 18 Gennaio da Minsk, Sergei Latushkin, funzionario della Corte Costituzionale in materia di vigilanza sull'emanazione degli emendamenti. "Per alcuni occorrono mesi, per altri, anni. Dipende dagli organi dello Stato, dal Parlamento, dal programma legislativo e da altre circostanze."

Azioni giudiziarie in aumento

Nel frattempo, i procedimenti giudiziari contro gli obiettori di coscienza sono in aumento. Un Testimone di Geova, Dmitry Smyk, alla fine del 2009 è divenuto il primo caso di questo tipo in nove anni. Il 6 Novembre la Corte Distrettuale Centrale della città sud-est di Gomel [Homyel] è stato multato con 3.500.000 Rubli Bielorussi (7.230 Corone Norvegesi, 862 Euro o 1.290 Dollari USA) ai sensi dell'Articolo 435, Parte 1, del Codice Penale. Gli è stato anche proibito di lasciare la Bielorussia, gli è stato vietato di viaggiare all'interno del paese senza notificarlo alle autorità e gli è stato richiesto di mantenere una "buona condotta" (vedi F18News 11 November 2009 http://www.forum18.org/Archive.php?article_id=1374).

Smyk ha fatto ricorso in appello, ma il 9 Dicembre, una giuria di tre giudici della Corte Regionale di Gomel ha accolto la sua condanna, ha detto il 13 Gennaio a Forum 18 da Gomel. Alla fine di Dicembre ha depositato un ricorso in appello di vigilanza al Presidente del Tribunale Regionale, Lyudmila Mikhalkova, la cui decisione è prevista entro il 23 Gennaio. "Se sarà negativa, presenterò il mio caso alla Corte Suprema," ha detto Smyk a Forum 18. Anche se il verdetto contro di lui è ormai in vigore, egli si sta rifiutando di pagare la multa.

Pashkevich che è a favore del Servizio Civile Alternativo, fa notare che attualmente ci sono altri due casi di residenti di Gomel che stanno rischiando la pena perché si rifiutano di svolgere il servizio militare per motivi di coscienza: Andrei Tenyuta, e di fazione opposta Evgenij Yakovenko, Cristiano Democratico. Secondo Smyk, diversi altri Testimoni di Geova potrebbero venire condannati allo stesso modo.

Seconda sentenza della Corte Costituzionale non attuata

I Testimoni di Geova di Gomel, conservi di Smyk, stanno rilevando anche che la legge è impotente nel difendere il loro diritto a protestare contro il trattamento ingiusto da parte dello Stato. Nel Luglio 2009 la comunità è stata perquisita da una decina di funzionari di polizia ed è stata multata pesantemente. Il 22 Settembre ha fatto seguito uno scritto "ultimo avvertimento" da parte di Aleksandr Prusov del Dipartimento degli Affari Religiosi del Comitato Esecutivo Regionale di Gomel.

La comunità ha cercato di contestare l’avvertimento di Prusov presso il Tribunale Regionale di Gomel. Nella sua decisione del 26 Ottobre visionata dal Forum 18, tuttavia, il giudice Zinaida Kamalyeva ha respinto la loro richiesta sulla base del fatto che la Legge di Religione del 2002 non prevede ricorsi legali alle diffide scritte.

I Testimoni di Geova di Gomel hanno cercato di presentare un appello contro la sentenza citando una rilevante decisione del 2007 della Corte Costituzionale, ma un collegio di tre giudici della Corte Suprema di Minsk, il 3 Dicembre ha nuovamente respinto il loro diritto di contestare l'ammonimento scritto. La sentenza, visionata da Forum 18, attesta il riferimento della comunità alla decisione del 2007 della Corte Costituzionale, ma ribadisce che la Legge non prevede le contestazioni alle diffide scritte, da parte delle comunità religiose.

"Siamo stati sorpresi dalla sentenza della Corte," hanno detto il 13 Gennaio a Forum 18 i Testimoni di Geova. "Tutte le altre organizzazioni hanno il diritto di contestare tali decisioni in tribunale - tranne le organizzazioni religiose. Esse non hanno diritto di difendersi."

Nella sua decisione R-199 del 5 Aprile 2007, la Corte Costituzionale ha evidenziato l'inadeguatezza della Legge che manca di riconoscere alle organizzazioni religiose il diritto di contestare in tribunale le diffide scritte impartite loro dai funzionari degli Affari Religiosi. La sentenza per esteso fa notare che tali diffide scritte hanno "conseguenze": l'Articolo 37 della Legge di Religione dichiara che se una organizzazione religiosa non riesce entro sei mesi ad eliminare la "violazione" che ha portato a tale diffida o se ripete la "violazione" entro un anno, l'organo di registrazione può interrompere la sua attività e perseguire il suo scioglimento in tribunale.

Latushkin della Corte Costituzionale ha ammesso a Forum 18 che la sentenza del 2007 non è stata attuata. Ha insistito dicendo a Forum 18 che sia essa e sia la sentenza della Corte sul servizio alternativo dovrebbero venire attuate, "ma io non sono il Signore Dio in grado di guardare al futuro per dire quando e come ciò avverrà."

Le multe continuano

I Testimoni di Geova di Kostyukovichi nella Regione di Mogilev [Mahilyow] sono gli ultimi credenti religiosi che sono stati puniti per l'attività religiosa. Secondo i documenti processuali visionati dal Forum 18, Sergei Yevstafyev, Aleksei Ilnitsky e Ivan Mustetsanu sono stati multati ognuno di 140.000 Rubli Bielorussi (280 Corone Norvegesi, 34 Euro o 49 Dollari USA) dal giudice Valentina Androsenko della Corte Distrettuale di Kostyukovichi il 18 Dicembre. I tre sono stati trovati colpevoli di creazione o di direzione di una organizzazione religiosa, senza la registrazione di stato (Art. 9.9, Parte 1 del Codice di Violazioni Amministrative). Ai sensi della dura Legge di Religione del 2002, ogni attività religiosa deve essere registrata presso lo Stato.

Le ammende sono seguite ad una incursione del 26 Luglio eseguita da parte di funzionari dell'amministrazione locale, della polizia e della polizia segreta del KGB durante il loro incontro presso l’abitazione di Ilnitsky a Kostyukovichi dove, il verdetto lamentava, "era in corso una riunione di cittadini, di circa 30 persone, durante la quale i presenti pregavano e studiavano la Bibbia."

Il verdetto fa notare che durante l’incursione è stata confiscata la letteratura religiosa. Lamenta inoltre che la comunità locale dei Testimoni di Geova abbia operato senza la registrazione statale obbligatoria a partire dal 2001 e che i membri della comunità periodicamente conducono "discussioni religiose" nei villaggi vicini.

I tre Testimoni di Geova multati hanno fatto appello al Tribunale Regionale di Mogilev, che dovrà ascoltare i loro casi, il 2 Febbraio.

Ulteriori incursioni e multe per l'attività non registrata si sono verificate in tutta la Bielorussia in questi ultimi mesi, tra cui due pesanti ammende inflitte ad un pensionato disabile di 68 anni, a Grodno [Hrodna] (vedi F18News 6 January 2010 http://www.forum18.org/Archive.php?article_id=1393).

[...]



fonte

Questo articolo è stato pubblicato sul sito Forum 18, in data 18 Gennaio 2010, da parte del giornalista Felix Corley, Servizio Notizie del Forum 18 (www.forum18.org)

© Traduzione a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova .net