Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Le minoranze religiose in Eritrea hanno poca scelta

Migliaia detenuti, alcuni dei quali ancora non sono stati accusati di alcun crimine



Asmara, Eritrea - L’organizzazione internazionale per i diritti umani quantifica in 3000 unità i membri delle minoranze religiose imprigionati in Eritrea. Tra di loro ci sono 58 cristiani, tra uomini donne e bambini, Testimoni di Geova. Più di nove mesi fa, il 28 giugno 2009, la polizia ha arrestato 23 Testimoni, inclusi donne e bambini di appena due anni, che erano pacificamente riuniti in una casa privata. I mariti e i padri erano già in carcere, essendo stati prelevati molto tempo prima. Le donne più anziane ed alcuni bambini sono stati in seguito rilasciati, ma due bambini, che hanno ora tre e quattro anni, sono ancora in carcere con le loro madri.

Sono in prigione almeno due intere famiglie. La maggior parte di coloro che sono stati arrestati dal luglio 2008 al gennaio 2009 sono stati inizialmente trattenuti presso la seconda e la quinta stazione di polizia di Asmara e sono stati poi trasferiti al campo di prigionia Meitir situato a circa 200 chilometri a nord della città. Sono stati arrestati a casa o sul luogo di lavoro, ma nonostante il tempo trascorso dal loro arresto non sono stati accusati di alcun crimine, né è stata data loro la possibilità di avere un processo. Questa situazione è simile a quella di tre altri testimoni che sono stati in carcere per più di 15 anni senza essere accusati o processati.

I Testimoni di Geova in Eritrea sono cittadini rispettosi della legge che pagano le tasse e sostengono gli sforzi del governo del paese in cui vivono. Nel 2002 il governo eritreo ha messo al bando tutte le minoranze religiose. I membri di questi gruppi continuano a subire maltrattamenti, detenzioni arbitrarie, torture e maltrattamenti da parte dello Stato. I Testimoni di Geova sono stati sottoposti a un trattamento particolarmente duro. Nel 1994, sono stati privati dei diritti di cittadinanza basilari a motivo del loro rifiuto di portare armi o di prestare servizio militare.



Contatti in USA:
J. R. Brown, Ufficio di Informazioni pubbliche
Telefono: +718-560-5600
Alan Gallina, Ufficio del direttore affari legali dei Testimoni di Geova
Telefono: +845-306-0711

Contatto in Europa:
Marcel Gillet, Associazione europea dei Cristiani Testimoni di Geova
Telefono: + 32 2 782 0015



fonte

Questo articolo è stato pubblicato ed aggiornato sul sito ufficiale delle Pubbliche Relazioni dei Testimoni di Geova, www.jw-media.org, in data 19 aprile 2010

© Traduzione a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova .net