Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Presentato il ricorso alla Corte Suprema della Russia





MOSCA - Il 12 Maggio 2010, gli avvocati dell'organizzazione religiosa locale dei Testimoni di Geova di Taganrog hanno presentato un appello presso il Presidio della Corte Suprema della Federazione Russa in merito alla decisione di dichiarare estremiste 34 pubblicazioni religiose e di sciogliere la comunità religiosa.

L'8 Dicembre 2009, la Corte Suprema della Federazione Russa ha accolto la decisione del Tribunale Regionale di Rostov dell'11 Settembre 2009. Gli avvocati dell'organizzazione religiosa sono convinti che questa decisione sia il risultato di un'applicazione non correttta della legge federale sull'estremismo. Le pubblicazioni sono state dichiarate estremiste solo perché i Testimoni di Geova credono che la loro religione è quella giusta. Tuttavia, il loro credo in nessun modo li incita a nutrire sentimenti aggressivi verso persone di altre religioni. Inoltre, secondo il parere degli esperti, la loro fede nella correttezza delle proprie convinzioni non "va al di là di ciò che è comune a tutte le religioni del mondo, di ciò che più o meno caratterizza tutte le confessioni religiose."

Secondo gli avvocati Arli Chimirov e Victor Shipilov, con questa decisione la Corte Suprema ha applicato erroneamente la legge. Dal momento che vari gruppi con poteri forti stanno usando questo per legittimare la persecuzione religiosa contro i Testimoni di Geova in Russia, gli avvocati chiedono che la sua applicazione venga sospesa.

Secondo il co-presidente del Consiglio dell'Istituto della Libertà di Coscienza, dottor Sergey Buryanov, "il ritorno della Russia ai tempi della persecuzione religiosa di massa ha già generato gravi minacce alla sicurezza dell'individuo, della società e dello Stato".



Contatti:

In Russia: Arli Chimirov, telefono +7 812 702 2691
In U.S.A: Mario Moreno, Telefono +1 845 306 0711




fonte

Questo articolo è stato pubblicato ed aggiornato sul sito ufficiale delle Pubbliche Relazioni dei Testimoni di Geova, www.jw-media.org, in data 14 Maggio 2010

© Traduzione a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova .net