Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


L'Azerbaigian imprigiona obiettore di coscienza





BAKU, Azerbaigian - Una commissione composta da tre giudici della Corte di Appello di Baku ha confermato la sentenza di condanna di primo grado del Tribunale Distrettuale di Nasimi all'obiettore di coscienza Farid Mammadov.

Il giudizio è stato pronunciato dalla corte l'8 settembre 2010 ed immediatamente dopo il 22enne è stato condotto fuori dall'aula del tribunale in manette e portato in prigione per scontare una pena di nove mesi.

Da quando è stato chiamato a prestare servizio militare, nel 2006, Mammadov ha richiesto ripetutamente il permesso di svolgere il servizio civile alternativo che non è sotto il controllo militare. La sua coscienza non gli permette di prendere le armi ed imparare la guerra.
Sebbene la costituzione della Repubblica dell'Azerbaigian garantisca agli obiettori di coscienza il diritto di svolgere il servizio alternativo, la Corte d’Appello ha dichiarato che le argomentazioni di Farid Mammadov “non sono previste dalla locale legislazione”.

In altre parole, perché l'Azerbaijan non è riuscito a varare una normativa che istituisce un meccanismo per il servizio alternativo, Mammadov è stato condannato e incarcerato come un criminale. Egli intende fare appello per il suo caso alla Corte Suprema di Azerbaigian.

La decisione della Corte d'Appello arriva un paio di mesi prima del decimo anniversario dell’ Azerbaigian della sua appartenenza al Consiglio d'Europa. Dalla sua adesione, il 25 gennaio 2001, l'Azerbaigian non è riuscito a rispettare l'impegno di adottare una legge sul servizio civile alternativo. Attualmente, quasi tutti i 47 Stati membri del Consiglio d'Europa rispettano i diritti degli obiettori di coscienza. La condanna e l'incarcerazione di Farid Mammadov dimostrano che l'Azerbaijan sceglie di restare un'eccezione.



fonte

Questo articolo è stato pubblicato ed aggiornato sul sito ufficiale delle Pubbliche Relazioni dei Testimoni di Geova, www.jw-media.org, in data 20 ottobre 2010

© Traduzione a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova .net