Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


La Grande Camera della Corte Europea riconsidera la questione dell'obiezione di coscienza in Armenia





Yerevan, Armenia - Il 24 novembre 2010, la Grande Camera della Corte europea dei diritti dell'uomo valuterà se il diritto all'obiezione di coscienza rientra nell'ambito di applicazione della libertà di pensiero, di coscienza e di religione.

Nonostante abbia espresso la sua disponibilità a svolgere un valido servizio civile alternativo, Vahan Bayatyan è stato imprigionato in Armenia dal settembre 2002 al luglio 2003 per il suo rifiuto di imbracciare le armi. La Corte è chiamata a decidere se l'articolo 9 della Convenzione europea sui diritti dell'uomo, che garantisce la libertà di pensiero, di coscienza e di religione, si applichi al diritto all'obiezione di coscienza relativa al servizio militare.

Al momento dell'adesione al Consiglio d'Europa nel 2001, l'Armenia si è impegnato a istituire una vera alternativa civile al servizio militare per gli obiettori di coscienza, e contemporaneamente concedere la grazia a coloro che erano stati precedentemente condannati. Anziché onorare il suo impegno, l'Armenia continua a condannare e imprigionare gli obiettori di coscienza. In Armenia ci sono 72 Testimoni di Geova che attualmente stanno scontando delle pene detentive come obiettori di coscienza.

La decisione della Grande Camera su questo argomento avrà un notevole impatto non solo sugli ultimi Stati membri del Consiglio d'Europa che ancora non riconoscono il diritto degli obiettori di coscienza, tra cui l'Armenia, ma anche su paesi come la Corea del Sud, dove in carcere ci sono attualmente oltre 800 obiettori di coscienza.



Contatti:
in Europa: Associazione europea dei Cristiani Testimoni di Geova
Telefono: 44 20 8906 2211
Telefono: 32 2 782 0015
negli Stati Uniti: Semonian David, Ufficio Pubblica Informazione
Telefono: 1 718 560 5600



fonte

Questo articolo è stato pubblicato ed aggiornato sul sito ufficiale delle Pubbliche Relazioni dei Testimoni di Geova, www.jw-media.org, in data 22 novembre 2010

© Traduzione a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova .net