Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Famiglie russe si rivolgono alla Corte Europea per tutelare i propri diritti





STRASBURGO, Francia - Alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo sono state presentate tre denunce contro le azioni delle autorità russe. Tutti e tre sono accomunate sia dall'intrusione ingiustificata nella propria casa che dal sequestro dei loro effetti personali. I ricorrenti - Novakovskaya Elena, Elena Chavychalova, Michael e Larisa Cheprunovy - che vivono nelle regioni di Tambov e Ryazan, sostengono che l'intrusione è motivata esclusivamente dalle loro credenze religiose. A loro avviso, le autorità hanno agito in violazione del diritto internazionale e nazionale.

Così, nel marzo 2010, la denunciante Novakovskaya Elena, una madre single di tre figli di 3, 11 e 18 anni, ha appreso d’essere oggetto di indagini penali in relazione al fatto che i suoi figli facessero "predicazione" della loro religione a scuola. L'avvio del procedimento è stato negato grazie agli eccellenti resoconti su questa famiglia da parte dei vicini di casa e insegnanti. Tuttavia, il Centro di Contrapposizione all'Estremismo del Dipartimento di Polizia della Regione di Rjazan si è assicurato dal vice presidente del tribunale regionale l’autorizzazione a condurre indagini investigative nel suo appartamento con la requisizione di una lunga lista di prove incerte. In questo caso, la donna non ha avuto la possibilità di leggere il contenuto del mandato di perquisizione, come richiesto dalla legge ed in seguito, i giudici russi hanno rifiutato di considerare il suo ricorso a questo mandato. Avendo esaurito tutti i mezzi di tutela giudiziaria nell’ambito della Russia, Elena Novakovskaya ha depositato una denuncia presso la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo.

Nel corso del 2010, in molte regioni della Russia le case dei Testimoni di Geova sono state ispezionate e perquisite, per le quali hanno subito un danno morale e materiale tangibile. I giudici hanno dato il permesso per tali investigazioni per farli apparire legittimi. Tali denunce alla Corte Europea, in particolare, hanno sollevato interrogativi circa la natura di tale legittimità.

L'avvocato dei ricorrenti ha detto: "E' sorprendente che in un paese progressista come la Russia, viene negato ai credenti il diritto di leggere e studiare la Bibbia e condividere pacificamente la loro fede con i vicini e altre persone. Cittadini rispettosi della legge vengono arrestati dalle forze dell'ordine, sequestrati i loro libri e riviste e dei credenti sono soggetti a multe". Le tre denunce presentate alla Corte Europea il 7 Dicembre 2010, contengono una richiesta per confermare che il diritto di possedere tale letteratura e la lettura d’essa è sancito da norme giuridiche internazionali, che la Russia si è impegnata a osservare.



Contatti:
In Russia: Grigory Martynov, tel. +7 812 702 2691
In Belgio: Associazione Europea dei Cristiani Testimoni di Geova, tel. +32 2 782 0015
Negli USA: JR Brown, tel. +1 718 560 5600




fonte

Questo articolo è stato pubblicato sul sito ufficiale delle Pubbliche Relazioni dei Testimoni di Geova in Russia, www.jw-russia.org, in data 9 dicembre 2010 ed aggiornato sul sito ufficiale delle Pubbliche Relazioni dei Testimoni di Geova, www.jw-media.org, in data 9 dicembre 2010

© Traduzione a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova .net