Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Non tutti i cristiani celebrano il Natale




Malgrado le lamentele di coloro che pensano violi la
separazione tra stato e chiesa, ogni anno la Casa
Bianca espone ufficialmente un albero di Natale.



Natale è senza dubbio la festa più popolare d'America. Gli studi mostrano che la celebrazione del Natale è quasi universale negli Stati Uniti.

Il novanta per cento degli americani celebrano solo il Natale ed un altro quattro per cento lo celebrano insieme ad Hanukkah. Più del 74 per cento degli intervistati ha scelto il Natale come loro festa preferita.

E' diventato popolare pure in paesi con comunità cristiane irrilevanti.

Nella maggioranza buddista del Giappone, per esempio, il 78 per cento delle persone intervistate ha dichiarato che fanno "qualcosa di speciale" per il Natale.

Un recente articolo nel San Jose Mercury News ha descritto "l'eccezionale festa dell'allegria" in Vietnam, una nazione comunista, dove solo il 7 per cento dei suoi 90 milioni di abitanti sono cristiani.

Discutendo della "spiritualità del Natale ventiquattr'ore su ventiquattro", si cita un giovane vietnamita che afferma: "Io non pratico la religione, ma mi piace molto la cultura occidentale. Il giorno di Natale, lo spirito del Natale, è felice. E' insito nello spirito natalizio."

Tuttavia, vi è un gruppo di ferventi cristiani che rifiutano fermamente di aderire agli eventi stravaganti che arrivano a simboleggiare le celebrazioni natalizie della nostra società.

"Svegliatevi", la pubblicazione ufficiale dei Testimoni di Geova edita dalla Watchtower Society, spiega in un articolo intitolato "La verità sul Natale" perché la festa non dovrebbe essere osservata dai cristiani.



"Gesù è nato il 25 dicembre?" La risposta è praticamente sicuro di no. La Bibbia non rivela la data di nascita di Gesù, ma poiché si dice che i pastori vivevano all'aperto a guardare le loro pecore quando è nato, ciò sarebbe avvenuto prima di ottobre, quando i pastori portavano le pecore in rifugi protetti di notte per salvaguardarle da freddo, pioggia e neve.

Il 25 dicembre è stato scelto come data per celebrare la nascita di Gesù di Nazaret per motivi politici.

I Romani combinavano le festività in onore di due divinità del sole verso la fine di dicembre (solstizio d'inverno). Nell'anno 350 Papa Giulio I dichiarò il 25 dicembre anniversario della nascita di Cristo, "battezzando" l'antica festa dando così un nuovo significato cristiano.

I primi cristiani non festeggiavano il compleanno di Gesù, mentre enfatizzavano la Pasqua, che ha segnato la sua risurrezione dai morti (la Svegliatevi! dice testualmente che "commemoravano solo la sua morte" non la Pasqua, N.d.T.)

"Chi erano i 'Re Magi' e quanti erano? La Bibbia non specifica quanti "Magi" visitarono Gesù. Il termine greco usato nel Nuovo Testamento "màgoi" significa "astrologi" o "stregoni".

A motivo del lungo tragitto dall’Oriente, gli astrologi non giunsero in tempo per vedere il bambino nella stalla dov'era nato. In realtà, dopo mesi di viaggio, lo incontrarono in una "casa dove Gesù dimorava".

"Che tipo di stella guidò gli astrologi?" E' chiaro che questa non era una stella normale. Perchè mai Dio, che si era servito di angeli per informare umili pastori della nascita di Gesù, avrebbe dovuto ricorrere a una stella per guidare degli astrologi pagani prima dal nemico di Gesù e poi dal bambino? L’unica conclusione logica è che la stella era un maligno stratagemma di Satana.

"Cosa c’entra Babbo Natale con Gesù e la sua nascita?" L'origine del mito di Babbo Natale è legata a San Nicola, un arcivescovo del IV secolo. Il nome moderno può essere una corruzione del termine olandese per lui (Sinterklaas). I Testimoni di Geova credono che sia sbagliato ingannare i bambini che si aspettano regali da un essere inesistente.

"Perché le persone si scambiano regali a Natale?" Sebbene alcuni percepiscano che questa tradizione derivi dall'usanza iniziata con i doni dei Re Magi a Gesù di oro, incenso e mirra, questo è discutibile.

Infatti, le persone si scambiavano doni come parte delle celebrazioni del solstizio secoli prima che Gesù nascesse.

In ogni caso, i Magi hanno dato i doni non vicendevolmente ma a Gesù, in conformità con l'abituale usanza quando si visitavano personaggi eminenti. Del resto, il Vangelo di Matteo mostra che loro si stavano interessando a Gesù come futuro re dei Giudei.

I Testimoni di Geova, un ente religioso fondato nel 1872 da Charles Taze Russell, hanno la sede centrale a Brooklyn, New York. Negli Stati Uniti ci sono più di un milione di membri e sono presenti in molti paesi nel mondo.

Tutti i membri battezzati sono considerati ministri e dedicano molto tempo ad annunciare entusiasticamente il Regno di Dio ad altri con la distribuzione porta a porta di letteratura.

Le loro credenze riguardo al Natale non sono gli unici principi distintivi della loro fede.

Nonostante sostengano un rigido codice morale, sono stati regolarmente perseguitati per il rifiuto di pratiche, viste come violazione della legge di Dio, come partecipare alla politica, salutare la bandiera, prestare servizio militare o accettare trasfusioni di sangue.




fonte

Questo articolo è stato pubblicato sul sito The Gilroy Dispatch, in data 11 dicembre 2010, rubrica Lifestyles curata da Chuck Flagg (www.gilroydispatch.com)

© Traduzione a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova .net