Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Cristiani in Azerbaigian arrestati, multati ed espulsi per aver partecipato ad una riunione religiosa





GANJA, Azerbaijan - Alle ore 10,30 del sabato 18 Dicembre 2010, diversi agenti di polizia, insieme al rappresentante locale del Comitato Statale per le Relazioni con le Associazioni Religiose, hanno forzato una casa privata in Ganja, Azerbaigian, facendo irruzione durante una riunione religiosa che si teneva in quel momento. Circa 50 persone si erano riunite per l'adunanza settimanale pubblica dei testimoni di Geova e sono state portate tutte quante alla stazione di polizia del distretto di Nizami. Sebbene la maggior parte di loro sia stata rilasciata dopo alcune ore, sei sono state trattenuti in detenzione. Tra questi il proprietario della casa dove si teneva l'adunanza, Yegana Gahramanova, Saladino Mammadov, Rashad Niftaliyev e Teymur Valiyev. Sono stati arrestati Vepkhvia e Ekaterine Sheveli, una coppia di sposi della Repubblica di Georgia, che erano in visita di amici a Ganja.

Tutti i sei detenuti sono apparsi davanti al Tribunale Federale di Prima Istanza di Nizami del Ganja, dove il giudice Vahid Sadigov ha ritenuto colpevoli i quattro testimoni locali di "violazione della costituzione e delle regole di attività delle strutture religiose", ai sensi dell'articolo 299 del codice di violazioni amministrative. Dei quattro testimoni locali, due sono stati condannati al pagamento di 150 Manati azeri (circa $ 187), uno è stato multato per 100 Manati azeri (circa $ 125), e uno è stato rilasciato con un ammonimento.

Questa è la prima volta che i cittadini Testimoni di Geova di Azerbaigian sono stati multati per aver partecipato ad una riunione di culto. Le condanne smentiscono le attestazioni di tolleranza religiosa dell'Azerbaijan, e sono in contraddizione con l'articolo 21 della legge sulla libertà di culto religioso, che garantisce il diritto di praticare la propria fede non solo nei "luoghi riservati al culto" ma anche "negli appartamenti e in case di privati cittadini” .

Inoltre, la Corte Europea dei Diritti dell'uomo aveva in precedenza dichiarato che "lo studio di gruppo e la discussione di testi religiosi da parte dei membri della religione dei Testimoni di Geova è una forma riconosciuta di manifestazione della loro religione, di adorazione e di insegnamento", un diritto garantito dalla Convenzione Europea per la Protezione dei Diritti dell'Uomo e delle Libertà Fondamentali. (vedi comunicato stampa dell'11 Gennaio 2007 sul caso, noto come Konstantin Kuznetsov e altri contro Russia)

Dopo una detenzione di 14 ore e le ammende inflitte a tre dei testimoni locali, il tribunale distrettuale di Nizami ha poi condannato Vepkhvia e Ekaterine Sheveli in base all’articolo 300.0.4 dichiarandoli colpevoli di violazioni amministrative del codice, che vieta agli stranieri di fare "propaganda religiosa", un termine che non è definito nella legislazione Azerbaigian. La Corte, dopo una detenzione della coppia durata 48 ore, ne ha ordinato l'epulsione dall'Azerbaijan alla Georgia.

Il 28 dicembre 2010, tutti i sei Testimoni condannati sono ricorsi in appello di fronte alla Corte d'Appello di Ganja. Uno di loro, Rashad Niftaliyev, ha dichiarato: "I Testimoni di Geova si riuniscono da molti anni a Ganja per studiare le Sacre Scritture, esattamente come fanno i Testimoni di Geova in paesi del tutto liberi e democratici in tutto il mondo. . . Chiedo per favore alla rispettabile Corte d’Appello di Ganja di rivendicare il mio diritto alla libertà di culto e alla libertà di potermi riunire con i miei compagni di fede."


Contatti:
In Belgio: Associazione Europea dei Cristiani Testimoni di Geova - Telefono: +32 2 782 0015 Mobile: +32 475581036
In Gran Bretagna: Associazione Europea dei Cristiani Testimoni di Geova - Telefono: +44 208 906 2211
Negli Stati Uniti: Gregory Allen, Direttore Affari Legali - Telefono: +1 845 306 0711



fonte

Questo articolo è stato pubblicato ed aggiornato sul sito ufficiale delle Pubbliche Relazioni dei Testimoni di Geova, www.jw-media.org, in data 5 gennaio 2011

© Traduzione a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova .net