Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


La giustizia apre la porta delle prigioni ai ministri di culto Testimoni di Geova




Il tribunale amministrativo di Lille ha annullato
una decisione della DISP che impediva l'accesso
alle carceri ai ministri di culto Testimoni di Geova



Lunedì, il Tribunale Amministrativo di Lille (TA) ha preso una decisione nei confronti dell'amministrazione carceraria che rifiutava di concedere ai ministri di culto dei Testimoni di Geova il permesso di visitare i detenuti che ne fanno richiesta.

Nell'aprile 2008, la Direzione Interregionale dei Servizi Penitenziari (DISP) di Lille aveva respinto le richieste fatte per autorizzare le visite volontarie del rappresentante di culto Testimone di Geova presentate dai ministri di culto per i centri di detenzione di Bapaume (Pas-de-Calais), Rouen (Seine-Maritime) e Laon (Aisne).

L'amministrazione penitenziaria giustificava il suo rifiuto in quanto i detenuti idonei a fare richiesta per una visita dei ministri di culto erano troppo pochi per giustificare un riconoscimento analogo a quello concesso ai rappresentanti delle principali denominazioni.

Il TA ha deciso che questa motivazione "non era sufficiente" per negare l'approvazione. "Secondo la legge di separazione delle chiese con lo Stato del 9 Dicembre 1905, la Repubblica (...) garantisce il libero esercizio dei culti, i giudici hanno deciso di annullare le decisioni contestate", viene confermato in un comunicato.

Decisioni simili sono state prese da altri tribunali in Francia, in particolare dal Tribunale Amministrativo di Parigi nel 2010.

L'Alta Autorità di Lotta contro le Discriminazioni e per l'Ugualianza (HALDE) nel 2010 aveva deciso a favore del detenuto che aveva presentato la sua domanda a Rouen, stabilendo che la decisione dell'amministrazione penitenziaria pregiudicava il diritto alla libertà di coscienza e di opinione dei detenuti. Questo organismo chiede al ministro della giustizia "di organizzare pratiche di culto per le carceri, su criteri obiettivi e di metterli in atto in modo efficace all'interno delle strutture".

I Testimoni di Geova in Francia sono circa 150.000 e numerose congregazioni locali hanno lo statuto di "associazione religiosa".


Il comunicato ufficiale del Tribunale Amministrativo a favore dei Testimoni di Geova



fonte

Il presente articolo è basato sull'articolo pubblicato nel sito "Le Parisien", in data 28 febbraio 2011 (www.leparisien.fr)

© Traduzione e rielaborazione a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova .net