Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


I Testimoni di Geova ricordano la morte di Gesù





PERUGIA - I testimoni di Geova commemoreranno la morte del nostro Signore Gesù Cristo domenica 17 aprile 2011, radunandosi dopo il tramonto nelle oltre 3.000 comunità presenti in tutta Italia. Si tratta della più importante celebrazione di questa confessione cristiana e trae origine dal comando che diede Gesù stesso agli apostoli durante l'ultima cena: "Continuate a fare questo in ricordo di me". Ogni anno la Commemorazione della morte di Gesù viene celebrata dai testimoni di Geova nel giorno in cui secondo la tradizione morì il Figlio di Dio, corrispondente al 14 nisan del calendario ebraico.

Nel nostro paese lo scorso anno hanno assistito alla celebrazione 443.787 persone, tra testimoni di Geova e simpatizzanti. A livello mondiale sono stati oltre 18 milioni coloro che si sono radunati per l'evento nelle oltre 100.000 comunità presenti in 236 paesi.

Come avviene in tutti gli incontri dei Testimoni, l'ingresso è libero e non si fanno collette. La celebrazione avrà inizio con un canto e una breve preghiera. Dopo di che un ministro di culto pronuncerà un discorso per chiarire le ragioni per cui Geova Dio mandò Suo Figlio sulla terra a morire per tutta l'umanità. Come fece Gesù durante l'ultima cena, durante il discorso saranno passati fra i presenti pane non lievitato e vino rosso, che per i testimoni di Geova simboleggiano rispettivamente il corpo e il sangue di Gesù. Infine, un altro canto e una preghiera concluderanno la cerimonia, che in tutto durerà circa un'ora.




fonte

Questo articolo è stato pubblicato sul sito Umbriajournal.com, in data 8 aprile 2010, rubrica Religioni (www.umbriajournal.it)