Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Australia: Testimone di Geova salva grazie al sangue sintetico




Il dott. Fitzgerald mostra un campione di HBOC-201


ROMA - Salva grazie al sangue sintetico. E' successo in Australia, dove è stato utilizzato per la prima volta il prodotto di derivazione bovina su una donna testimone di Geova. La beneficiaria si chiama Tamara Coakley, 33 anni, rimasta gravemente ferita in un incidente d'auto e ricoverata all'Alfred Hospital di Melbourne. L'intervento, senza il quale la donna sarebbe morta, risale allo scorso ottobre ed è descritto nell'ultimo numero del Medical Journal of Australia. Si tratta, si rileva nell'articolo, del primo caso conosciuto in cui il sangue sintetico abbia permesso di ossigenare nuovamente il sangue e, con esso, il cuore e gli altri organi, nella vittima di un trauma.

A causa della sua religione, la donna non poteva ricevere trasfusioni di sangue. Le era permesso soltanto di accettare un sostituto. Così i medici dell'Alfred Hospital hanno utilizzato 10 unità della sostanza chiamata HBOC-201, che trasporta l'ossigeno in modo simile a quanto l'emoglobina fa nel sangue. Basata su una molecola derivata dal sangue bovino, la sostanza è stata ottenuta d'urgenza per via aerea dagli Usa e, una volta somministrata alla donna, ha ripristinato il livello di ossigenazione nel sangue. Per il direttore del Servizio Traumatologico dell'ospedale australiano, Mark Fitzgerald, si tratta di un passo importante nello sviluppo di un'alternativa fattibile per affrontare la scarsezza di riserve di sangue su scala mondiale. A differenza del sangue donato, quello sintetico non richiede l'abbinamento del gruppo sanguigno e può essere conservato senza refrigerazione fino a tre anni, rendendolo adatto all'uso in zone isolate o nei campi di battaglia, spiega Fitzgerald. «Vorremmo vedere prodotti di sangue sintetico disponibili in aree remote e presso le forze di difesa, quando non vi sono altre opzioni», ha aggiunto, precisando tuttavia che prodotti di questo tipo si trovano ancora nella fase di sperimentazione e che dovranno ancora superare molti test prima di passare dalla fase di prototipo a quella di routine.




fonte

Questo articolo è stato pubblicato sul sito del quotidiano "Leggo", in data 5 maggio 2011, rubrica Esteri (www.leggo.it)