Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


I Testimoni di Geova in Ucraina fronteggiano il sequestro illegale della proprietà




La Corte Suprema dell'Economia Ucraina


LEOPOLI, Ucraina — Il Centro Religioso dei Testimoni di Geova in Ucraina sta affrontando il sequestro illegale di una porzione della propria proprietà attraverso un raggiro comunemente noto in Ucraina come rapina di proprietà. Tali truffe concernono la vendita illegale a terzi di una proprietà senza che i legittimi proprietari ne siano a conoscenza. La vendita è poi convalidata dal giudice ed eventuali ricorsi da parte dei legittimi proprietari sono respinti dalla Corte Suprema dell'Economia Ucraina.

Nel caso in questione, il complesso di quasi 19 ettari, situato nel il Briukhovychi (regione di Leopoli), è stato legalmente acquistato dai Testimoni di Geova nel 1998 da OJSC Cinescopio e poi è stato in gran parte ricostruito. Nove anni più tardi, nel 2007, il liquidatore di OJSC ha inaspettatamente presentato una domanda presso la Corte, avanzando falsamente diritti di proprietà su una parte della proprietà. Prima che la richiesta venisse soltanto presa in considerazione da un tribunale, la Cinescopio ha venduto la proprietà contestata nel luglio 2008 ad un terzo, il Centro di Sviluppo per lo Sport (DSC), senza che i Testimoni di Geova ne fossero a conoscenza.

La transazione illegale compiuta da OJSC e il presunto diritto di proprietà assunto dalla DSC sono state successivamente confermate dalla Corte Regionale Commerciale di Leopoli il 4 settembre del 2008 e di nuovo il 21 luglio 2009. Queste decisioni sono state prese senza notificare ai Testimoni di Geova che la proprietà dei loro beni era stata contestata. In tre occasioni, la Corte Suprema dell'Economia ha negato ai Testimoni di Geova il diritto di ricorrere, sostenendo che nessuna violazione si era verificata dal momento che i giudici dei tribunali di grado inferiore non avevano menzionato il nome del Centro Religioso nelle loro sentenze o nel contratto di vendita del luglio 2008 alla DSC. Le decisioni della Corte Suprema dell'Economia Ucraina non sono impugnabili.

I Tribunali di primo grado, compresa la Corte d'Appello, hanno dichiarato che le azioni di Cinescopio così come il contratto di vendita del luglio 2008 sono entrambe illegali. Tuttavia, la Corte Suprema dell'Economia si rifiuta di riconoscere come illegali tali azioni. L’azione finale della truffa arraffa terreni è quella di impadronirsi delle terre e delle proprietà costringendo il municipio locale a modificare la proprietà sulla registrazione del catasto. Questo processo è già iniziato.

Il tentativo d’impadronirsi illegalmente della proprietà posseduta dai Testimoni di Geova mette a repentaglio la capacità d’operare della loro sede nazionale e minaccia la libertà di culto di più di 270.000 cittadini ucraini. I Testimoni di Geova hanno cercato di proteggere i loro diritti di proprietà facendo appello alle autorità incaricate di far rispettare la legge come pure chiedendo alle Corti d’intervenire. Il vice premier dell’Ucraina, il procuratore generale e il governatore della regione di Leopoli, sono stati messi al corrente del problema.


Contatti per i Media:
J. R. Brown, Ufficio Informazioni al Pubblico, tel. +1 718 560 5600
Ucraina: Centro Religioso dei Testimoni di Geova, tel. +38 032 240 9200
India: Contatto Locale, tel. +91 974 087 1150
Belgio: Associazione Europea dei Cristiani Testimoni di Geova, tel. +32 2 782 0015
Gran Bretagna: Associazione Europea dei Cristiani Testimoni di Geova, tel. +44 208 906 2211



fonte

Questo articolo è stato pubblicato ed aggiornato in data 22 settembre 2011 sul sito ufficiale delle Pubbliche Relazioni dei Testimoni di Geova, www.jw-media.org

© Traduzione a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova .net