Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Testimoni di Geova in assemblea, un crocevia di culture





di ENRICO AGNESSI

SONO ARRIVATI da tutta Italia, soprattutto dalle grandi città del nord. Etiopi ed eritrei, 200 in tutto, approdati a Imola per la prima assemblea nazionale dei Testimoni di Geova di lingua amarica e tigrina, gli idiomi parlati nelle due aree dell’Africa orientale. Si sono aggiunti ai circa 1.700 italiani (bambini, giovani, adulti e anziani) che ieri mattina hanno affollato la ‘Sala delle Assemblee’ di via Pastore per il loro annuale incontro di circoscrizione. Una due giorni dal titolo ‘Sia santificato il nome di Dio’ che ha vissuto uno dei suoi momenti più significativi nella cerimonia del battesimo dei nuovi adepti, che ha riguardato una dozzina di Testimoni di Geova. Tra di loro, anche un etiope. Engheda Scibesci ha 63 anni ed è arrivato apposta da Parma per battezzarsi assieme ai suoi fratelli di fede.

ANCHE per lui, accompagnato fino al bordo della piscina installata all’interno della struttura di via Pastore, l’immersione in acqua è totale. «Come appropriato simbolo della pubblica dichiarazione di appartenenza al popolo dei Testimoni di Geova», spiega il ministro del culto, Mario Maggi. A differenza del rito cattolico, infatti, in questa comunità il battesimo rappresenta una scelta «ponderata e individuale, non forzata, quindi incompatibile con l’usanza del battesimo dei neonati». Scene di gioia autentica nella sala imolese, tra genitori in lacrime, centinaia di flash impazziti e decine di schermi tv che hanno trasmesso in diretta il battesimo, andato in scena in una piccola saletta interna con annesso spogliatoio. Tutto sotto l’occhio vigile degli uomini della sicurezza, impegnati a far entrare soltanto i parenti più stretti.

«Da alcuni anni – racconta Massimiliano Caredda, papà di Davide, 11 anni, anche lui appena battezzato – diversi gruppi di Testimoni di Geova italiani delle regioni in cui è più forte la presenza di immigrati dell’Etiopia e dell’Eritrea hanno intrapreso lo studio delle lingue amarica e tigrina. Lo scopo è quello di condividere con questa gioiosa comunità la ricchezza degli insegnamenti biblici, rivolti a persone di ogni razza, cultura ed estrazione sociale. Questa unità fra le razze non è infatti semplice tolleranza superficiale, ma ha profonde radici nei sentimenti dei Testimoni. In un periodo in cui la presenza e l’inserimento nella società di cittadini extracomunitari nel nostro Paese è un argomento controverso e di scottante attualità, questo congresso offre un esempio di come l’applicazione dei principi biblici permetta di superare ogni barriera linguistica, razziale e sociale».

A Imola i Testimoni di Geova italiani sono circa 600, divisi in due congregazioni. A questi si sommano i quasi 200 appartenenti ai gruppi in lingua spagnola, francese e rumena, il più numeroso dei tre. Anche l’organo ufficiale della comunità, ‘La Torre di Guardia’ è diffuso in città in circa 6.000 copie.



fonte

Questo articolo è stato pubblicato sul sito del giornale Il Resto del Carlino, in data 2 ottobre 2011, sezione Imola, rubrica Cronaca, da parte del giornalista Enrico Agnessi (www.ilrestodelcarlino.it)