Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


KIRGHIZISTAN: Funzionari chiudono processo penale contro 2 Testimoni di Geova rilasciandoli dalla detenzione





KADAMJAY, Kirghizistan - Il 14 dicembre 2011, il capo investigatore della regione Kadamjay, di concerto col procuratore regionale, ha chiuso un procedimento penale nei confronti di due Testimoni di Geova, il 18enne Iskandar Kambarov e il 22enne Jonibek Nosirov. Alcune settimane prima, i giovani erano stati rilasciati dalla detenzione preventiva dopo essere stati imprigionato per più di nove mesi.

Il 29 gennaio 2011, Kambarov e Nosirov erano stati arrestati e imprigionati in base alla falsa accusa che possedessero due DVD di un'organizzazione estremista islamica messa al bando. Il 18 maggio 2011, la Corte Regionale di Kadamjay aveva condannato i due giovani a sette anni di carcere. Comunque, la Corte Distrettuale di Batken (Ricorso in Appello) il 22 giugno 2011, annullava la sentenza di primo grado, accertando parecchi errori gravi nelle indagini penali. La Corte d'Appello ordinava una nuova indagine e il procuratore locale ricorreva in appello presso la Corte Suprema. Il 13 settembre 2011, l'Ufficio del Procuratore Generale della Repubblica del Kirghizistan ritirava tale appello, confermando la decisione della Corte d'Appello.

Sentenziando che il procedimento penale dovesse essere chiuso, il capo investigatore della Regione Kadamjay aveva riscontrato che le accuse non avessero alcuna base. Oltretutto, ha osservato che, come Testimoni di Geova, i due giovani "non hanno nulla in comune" con l'organizzazione islamica messa al bando.



"I sigg. Kambarov e Nosirov sono molto contenti che la loro traumatica esperienza sia finita e possono finalmente essere liberi," afferma Nurlan Kachiev, un avvocato che ha preso parte al procedimento legale. Ha aggiunto: "Estendono la loro sincera gratitudine al capo investigatore ed al procuratore della Regione Kadamjay per aver espresso una sentenza obiettiva basata sui fatti e sulla legge. They are also grateful for the concern and interest shown by senior Kyrgyz officials.” Sono anche grati per la preoccupazione e l'interesse dimostrato dagli alti funzionari chrirghisi."




Contatti per i Media:
J.R. Brown, Ufficio Informazioni al Pubblico, tel. +1 718 560 5600
Kirghizistan: Hamit Iskakov, tel. +996 778 037 503
Belgio: Associazione Europea dei Cristiani Testimoni di Geova, tel. +32 2 782 0015



fonte

Questo comunicato stampa è stato pubblicato in data 23 dicembre 2011 sul sito ufficiale delle Pubbliche Relazioni dei Testimoni di Geova in Russia, www.jw-russia.org ed aggiornato il 28 dicembre 2011 sul sito ufficiale delle Pubbliche Relazioni dei Testimoni di Geova, www.jw-media.org

© Traduzione a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova .net