Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Testimone russa costretta a lasciare il lavoro, ingiustamente accusata e presa di mira da vessazioni religiose





AKHTUBINSK, Russia - Yelena Grigorieva è una delle tante persone prese di mira da una campagna ufficiale contro i Testimoni di Geova in ogni parte della Russia. Il 20 dicembre 2011 l'investigatore locale, A. Gluschenko, ha notificato alla 43enne signora Grigorieva un’accusa ingiusta di "Incitamento all’odio o all’ostilità e alla denigrazione della dignità umana."

Agli inizi di quest'anno, l'8 febbraio 2011, era stata perquisita la casa della signora Grigorieva e degli agenti sequestrarono varie sue pubblicazioni religiose. La signora Grigorieva diventava sempre più consapevole che gli agenti stavano per intentarle un procedimento penale per violazione dell’articolo 282 (comma 1) del Codice Penale della Federazione Russa. Successivamente, l'11 febbraio, degli agenti ispezionarono il suo posto di lavoro obbligandola a licenziarsi, apparentemente di sua iniziativa. La signora Grigorieva, il 17 febbraio 2011, ricevette un atto d'accusa dove si affermava che lei distribuiva ai residenti del distretto di Akhtubinsk, regione di Astrakhan, "pubblicazioni di natura estremista incluse nella Lista Federale dei Materiali Estremisti."

La signora Grigorieva dice: "Assolutamente mi oppongo alle accuse mosse contro di me perché sono convinta dell'utilità e del valore dei principi biblici. Proprio recentemente è nato mio nipote e, quando sarà grande, spero che amerà Dio e i suoi vicini nello stesso modo."

Gulfira Zakaryayeva, un avvocato che rappresenta la Grigorieva, ha commentato: "Triste a dirsi, gli inquirenti non erano interessati alla scoperta della verità. Hanno provato solamemente ad accusare la mia cliente perché è una Testimone di Geova." Grigory Martynov, un portavoce dei Testimoni di Geova in Russia, aggiunge: "Desideriamo essere d'aiuto alle persone con informazioni pratiche basate sulla Bibbia e il nostro diritto di fare ciò dovrebbe essere rispettato. Spero che le autorità fermino questa campagna di vessazioni contro cristiani come questa donna di Akhtubinsk e che tutte le accuse penali contro di lei vengano fatte cadere."




Contatti per i media:
J. R. Brown, Ufficio Informazioni al Pubblico, tel. +1 718 560 5600
Russia: Grigory Martynov, tel. +7 812 702 2691
Belgio: Associazione Europea dei Cristiani Testimoni di Geova, tel. +32 2 782 0015



fonte

Questo articolo è stato pubblicato ed aggiornato in data 14 settembre 2011 sul sito ufficiale delle Pubbliche Relazioni dei Testimoni di Geova, www.jw-media.org

© Traduzione a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova .net