Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Il perdono

qualcosa che non si può comprare

Un cristiano venne a sapere che un componente della sua congregazione aveva messo in giro delle calunnie su di lui. Messo alle strette, questi non negò e si dichiarò disposto a far di tutto per riparare al “mal-detto” e dimostrare il suo sincero pentimento.

Il fratello vittima delle sue dicerie lo invitò alla sua fattoria. Lì gli avrebbe detto cosa doveva fare per farsi perdonare. Puntualissimo, l'ex-offensore si presentò come d'accordo.

Trovò l'altro che lo aspettava con una gallina morta in mano. Gliela diede. – “ Se davvero vuoi che io ti perdoni, sali sulla cima di quella collinetta e spenna quest'animale” – All'altro fratello non pareva vero di cavarsela così a buon mercato. Salì, tirò via le penne ad una ad una e lasciò che il vento le trasportasse via, lontano. Trionfante, ridiscese alla fattoria. – “ Ho fatto come mi hai detto. Adesso, mi perdoni?”
Ma il fratello che era stato offeso gli rispose: “ Se vuoi essere perdonato, torna domani e ti dirò cos'altro puoi fare.” – “ Tutto quello che vuoi. Meriterò il tuo perdono, vedrai”. –
L'indomani, ansioso di far tutto il possibile per riparare al malfatto, l'ex-offensore era già lì alle prime luci dell'alba. Il fratello lo stava già aspettando e aveva di nuovo in mano la gallina che lui aveva spennato il giorno prima. Sconcertato l'altro esclamò: – “Ma questa è la gallina che ho spennato ieri! Cosa ci devo fare, oggi?” –
Senza dar segno del minimo turbamento, l'altro rispose: - “Oggi, caro fratello, desidero che tu recuperi le piume che, ieri, hai levato via e le rimetti dove stavano prima, una ad una”. –
- “Ma è impossibile! Il vento le avrà portate chissà dove! Come posso riuscirci?” –
- “Allora come pensi di riuscire a riparare a quello che mi hai fatto e meritare il mio perdono? Non puoi più riprendere tutte le parole che hai detto, non sai nemmeno dove possono essere andate a finire e con loro il mio buon nome. Come potresti ridarmelo? Se ti perdono non è per quello che puoi fare tu”.

L'ex-offensore imparò una lezione importante. Non sempre si può riparare al male fatto, per questo è sempre bene soffermarsi a riflettere sulle conseguenze di ogni gesto, azione o parola, prima di compiere qualsiasi cosa, anche se non fatta con cattiveria. E, inoltre, che il perdono non si riceve per meriti personali, non si può acquistare ma è una cosa che si riceve perché l'altra persona vuole agire con amore verso di noi, come Geova agisce con immeritata benignità verso ognuno di noi.