Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


I Testimoni di Geova sono al bando in Uzbekistan



Messi al bando i Testimoni di Geova


Tashkent – I funzionari uzbeki hanno posto fine all’unica zona della nazione dove erano liberalmente attivi i Testimoni di Geova, accusando il gruppo religioso di proselitismo aggressivo, come riportato dai mezzi d’informazione.

Le autorità della provincia orientale di Fergana avevano ricevuto reclami dai residenti circa il comportamento dei membri dei Testimoni di Geova nella provincia dal 1999, secondo quanto detto dal sito Internet www.press-uz.info, vicino al governo.

"I Testimoni di Geova, disprezzando le leggi sulla privacy dei cittadini e sulla libertà di coscienza e le tradizioni nazionali, hanno ostinatamente condotto attività missionaria bellicosa ed aggressiva, persino irrompendo nelle case, infastidendo con la loro predicazione e letteratura il pubblico", ha riportato il sito Internet citando ciò che ha detto il Ministero della Giustizia.

I Testimoni di Geova, un gruppo cristiano impegnato nell’evangelizzazione in tutto il mondo, non è attivo liberalmente altrove in Uzbekistan, dove il 90 per cento dei 26 milioni di persone sono musulmani.

Le autorità religiose avevano precedentemente detto che i rapporti fra i gruppi etnici differenti nel paese erano stati minacciati dalle attività di parecchi gruppi religiosi che conducono opera missionaria, vietata secondo la legge dell'Uzbekistan.

All’inizio di questa settimana le autorità avevano chiuso un gruppo non governativo con base negli Stati Uniti (Crosslink Development International) per violazione delle leggi e per aver dato assistenza finanziaria ad un movimento religioso, la Chiesa Cristiana del Pieno Vangelo, sotto la copertura di progetti di concessione.

(Fonte)


--------------------


L'Uzbekistan mette fine all'attività dei Testimoni di Geova


‘L'Uzbekistan ha sciolto l'unica rappresentanza dei Testimoni di Geova in questo paese dell’Asia centrale, accusando questo gruppo religioso di proselitismo aggressivo’, ha annunciato venerdì la stampa locale.

Le autorità della provincia di Fergana (zona est) avevano ricevuto numerosi reclami dei residenti sul comportamento dei Testimoni di Geova, attivi nella regione dal 1999, come ha indicato www.press-uz.info, un sito Internet vicino al governo.

"I Testimoni di Geova, non tengono di alcun conto le leggi sulla privacy dei cittadini e la libertà di coscienza come pure delle tradizioni nazionali, hanno con ostinazione condotto un lavoro missionario bellicoso ed aggressivo, che entra anche con la forza nelle case, importunando la gente con la loro predicazione e loro letteratura", ha scritto il sito citando le parole di un responsabile del Ministero della Giustizia.

I Testimoni di Geova, un'organizzazione che si è presentata come cristiana ed impegnata nell'evangelizzazione in tutto il mondo, erano attivi in Uzbekistan soltanto nella regione di Fergana.

In questo paese dell’Asia centrale, il 90% dei 26 milioni di abitanti è costituito da musulmani.

(Fonte)





Il primo articolo è stato pubblicato su il "Sunday Times.co.za", in data sabato 26 agosto 2006 (http://www.sundaytimes.co.za).

Il secondo articolo è stato pubblicato su “TopChretien.com”, in data 26 agosto 2006, riportando come fonte ulteriore “La Croix” (http://www.topchretien.com).