Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Testimoniando uno sforzo unificato

La nuova Sala del Regno è una missione volontaria

Di Michelle Stewart


Da questo fine settimana la congregazione dei Testimoni di Geova locali costituita da 30 membri terrà le proprie adunanze nel suo nuovo edificio sul viale Drake.

Ad eccezione degli impresari che hanno trasportato i moduli base all’interno della città di Labrador, il progetto è uno sforzo volontario, e per più di una settimana quasi il 100 per cento dei membri locali sono rimasti a lavorare continuamente ed animatamente per terminare la nuova Sala del Regno.

Leon Whitter, il quale si è spostato nella zona ovest di Labrador da Montreal più di due anni fa, spiega che è abbastanza orgoglioso dell’impegno messo con dedizione nel progetto.

“Come volontari noi siamo disposti a fare qualsiasi cosa porti a compiere ciò che Gesù ci ha commissionato di fare”, ha spiegato la motivazione.

Il nuovo edificio sostituirà la Sala del Regno situata sulla Bartlett Drive. Whitter spiega che i membri riconoscevano che una necessità fosse l’accessibilità per i disabili tra le altre cose, incluso il maggiore spazio.

“Quando sarà ultimato questo nuovo edificio sarà di circa 60’ x 50’ [ca. 46 x 64 metri, n.d.r.] ed avrà 70 posti a sedere”, ha detto Whitter aggiungendo che i membri stanno sperando in un incremento della loro congregazione.

Egli dice che i sacrifici dei volontari locali insieme a quelli dei volontari che hanno viaggiato a loro proprie spese per venire da altre aree per assistere, dice molto della dedizione impiegata.

L’impegno di terminare l’edificio ha stimolato i membri a prendere giorni di ferie per offrire una mano.

“E’ meraviglioso ma non è insolito”, ha detto Whitter riguardo i membri. “Per noi non è un grande progetto. E’ un lavoro solito. Ciò è svolto in tutto il mondo quindi non è un immenso progetto. Molti degli individui qui hanno attualmente lavorato su altri progetti come volontari ed hanno provato gioia nelle esperienze ed hanno amato il cameratismo e la fratellanza. Infatti, essi hanno il cuore infranto se non possono venire, e poichè noi siamo in un posto lontano dalla civiltà è una cosa difficoltosa guidare su quella strada. Sì, c’è orgoglio qui. Io penso che in generale i Testimoni di Geova apprezzano tantissimo i propri luoghi di adorazione. Ciò è assai importante, è il loro centro di educazione della comunità, di istruzione biblica, e noi siamo davvero molto dediti alla nostra personale educazione biblica ma la condividiamo pure con altri”.

Whitter spiega che il lavoro su un progetto grande come quello della nuova Sala del Regno è stato possibile completarlo a motivo dell’unità dei membri e dello spirito volontario che li motiva a continuare ciò che ha valore per loro.

“Ciò che noi stiamo provando a fare e ciò a cui noi siamo realmente interessati a svolgere, è continuare la nostra opera di insegnamento della Bibbia alle persone”, ha spiegato. “Molto di ciò che i Testimoni di Geova fanno è istruire. Tutti i membri sono ministri, quindi non esiste una persona che è incaricata. Tutti i membri contribuiscono alla principale opera di insegnamento”.

Da giovedì la collaborazione da parte dei Testimoni di Geova dovrebbe arrivare completamente da Goose Bay e dall’isola per aiutare i volontari locali a terminare il programma di lavoro questo prossimo fine settimana.

Whitter è contento del lotto di terreno che è stato acquistato per ospitare il nuovo edificio tramite contratto privato. Il terreno è stato ripulito dagli alberi lo scorso settembre dai volontari.

“Quando abbiamo osservato il terreno c’è stato abbastanza scoraggiamento prospettato a motivo dei folti ginepri e degli oscuri abeti rossi”, ha spiegato. “Ma quando è stato ripulito, abbiamo pensato che era un ottimo posto. Perfino la grandezza del lotto non avevamo realmente pregustato dato che la foresta la nascondeva bene”.

Whitter dice che lui e sua moglie si sono spostati nell’area specificatamente per presenziare ai lavori della congregazione nella zona ovest di Labrador spiegando che entrambi sono volontari a tempo pieno.

E perfino se ci sono solo 30 persone nella congregazione locale, si deve prendere in considerazione la zona remota.

“Voi conoscete persone di questa zona che potrebbero considerare i Testimoni di Geova essere un piccolo gruppo di persone ma in tutto il mondo ci sono sei milioni e mezzo di Testimoni di Geova, così che noi siamo parte di un ben più grande contingente di persone … Io amo il Labrador. Amo stare all’aria aperta e penso che mi sto veramente innamorando del panorama della nostra nuova sistemazione”.

Immagini collegate
Clicca per ingrandireMembri della locale congregazione dei Testimoni di Geova costruiscono la propria chiesa come parte del loro impegno alla loro fede – Foto Michelle Stewart.



fonte

Questo articolo è stato pubblicato sul quotidiano d’informazione “The Aurora”, in data lunedì 14 agosto, da parte della giornalista Michelle Stewart (http://www.theaurora.ca).