Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Un lavoro di squadra: Centinaia di Testimoni di Geova costruiscono una nuova Sala del Regno

Di Jill Harmacinski, Eagle-Tribune

METHUEN, USA – Un ponteggio, mattoni, caschetti da cantiere, travi da due per quattro e sparachiodi.
Un luogo di lavoro, situato all’incrocio tra le strade Jackson ed East, durante il fine settimana assume tutte le caratteristiche di un tradizionale cantiere edile, con una eccezione: nessuno dei 600 membri che compongono la squadra è pagato.

Testimoni di Geova provenienti da tutta la nazione, incluso un uomo dalle Hawaii, hanno dedicato questo fine settimana alla costruzione di una nuova Sala del Regno situata all’incrocio. Il precedente edificio vecchio di 45 anni è stato demolito sul cantiere lo scorso giugno al fine di lasciare spazio alla nuova Sala, due volte più grande della precedente, nel medesimo luogo. I lavoratori, che hanno un’età compresa tra i 17 e gli 85 anni, hanno iniziato lo scorso giovedì, lavorando 12 ore al giorno nei successivi venerdì, sabato e domenica. Il prossimo fine settimana centinaia di volontari torneranno sul cantiere, per i ritocchi finali della nuova Sala.

I Testimoni di Geova che vengono da lontano sono ospitati nelle case private di altri Testimoni di Geova durante la costruzione.

"Il merito non è di una persona in particolare", ha detto Della Penna. "E’ in assoluto un’impresa collettiva".

Analogamente a ciò che accadeva nella costruzione dei granai di una volta, i Testimoni di Geova sono noti per il fatto che a centinaia si radunano per costruire nuove sale. Nel caso di Methuen, la nuova struttura, inclusi i lavori di finitura interni e la sistemazione delle aree verdi, sarà completata al costo di 570.000 dollari americani [ca. 452.000 Euro, n.d.r.]. Il ministro James Lang, portavoce dei Testimoni di Geova sul cantiere, ha sottolineato come affidando il lavoro in appalto, idraulici, elettricisti, posatori professionisti di muri a secco certificati, ecc…, sarebbero costati, per svolgere lo stesso lavoro, circa tre volte tanto.

"Personalmente, sono stato impiegato in 42 di questi progetti", ha detto Lang, di Derry, New Hampshire.

Invece di affidare ad esterni il lavoro, i membri della chiesa, alcuni dei quali hanno esperienza nella costruzione mentre altri sono veri e propri principianti, sono stati concordi nel radunarsi al fine di lavorare gratuitamente. E non tutti stanno piantando chiodi o posando mattoni. Ci sono volontari per il primo soccorso; autisti alle navette, i quali portano i volontari avanti ed indietro dalle abitazioni ai parcheggi; ed una squadra di ispezione per la sicurezza.

Ieri pomeriggio un'articolata squadra per il servizio ristoro ha inoltre servito in 30 minuti ai 570 volontari un pranzo con roast beef, salsa di funghi, purè e carote del Belgio. I lavoratori ricevono la prima colazione e il pranzo, oltre al tè, il caffè e gli spuntini con biscotti e pasticcini nel corso della giornata.

"Per quanto duramente lavorino le persone, nessuno è mai dimagrito. Il cibo è davvero ottimo", ha detto John Carney, un Testimone di Geova che vive a Methuen.

La maggioranza dei volontari proviene da località del New England, Massachusetts, Vermont e New Hampshire. Ma Mike Madonia, con la famiglia nel Merrimack Valley, ha fatto un viaggio sin dalle Hawaii per venire in aiuto.

Prima che la costruzione iniziasse, Lang ha detto che i membri avevano collaborato a stretto contatto con i vicini della zona, facendo sapere loro che la costruzione stava per essere innalzata. I commercianti della zona sono stati d’accordo nel permettere ai volontari di parcheggiare nei loro spazi durante il fine settimana per poter poi essere trasportati avanti ed indietro dall’area del cantiere.

"Prima di procedere alla costruzione, abbiamo informato l’intero vicinato. Il traffico è molto intenso qui ed il parcheggio è limitato", ha rilevato Lang. "Ma tutti coloro con i quali abbiamo parlato sono stati estremamente disposti a collaborare".

Ieri pomeriggio sul tardi, dozzine di lavoratori erano disposti in fila sul ponteggio all’esterno della nuova Sala. Ciascuno prendeva parte alla posa dei mattoni della facciata della nuova costruzione. Tra una settimana a partire da oggi, la nuova Sala "sarà abitabile”, ha detto Lang.

La ripresa delle adunanze è prevista per il 15 ottobre.

La vecchia Sala, costruita nel 1961, è stata sostituita con una sala principale di 46 x 70 piedi [ca. 14 x 21 metri, n.d.r.] e da un locale aggiuntivo di 28 x 46 piedi [ca. 8,5 x 13,8 metri, n.d.r.], ha detto Della Penna. Sono stati aggiunti nel nuovo progetto i bagni accessibili ai portatori di handicap, un guardaroba, un locale caldaia ed un atrio.

"E’ una sorta di caos organizzato", ha detto riguardo al cantiere della costruzione. "Tutti sanno cosa devono fare, quando devono farlo e quando devono essere qui. Ogni cosa procede armoniosamente in una gradevole successione".



fonte

Questo articolo è stato pubblicato su "The Eagle-Tribune Online", in data 25 settembre 2006, da parte del giornalista Jill Harmacinski, Eagle-Tribune (http://www.eagletribune.com).