Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Comparazione tra i risultati della cardiochirurgia nei Testimoni di Geova rispetto ai non Testimoni di Geova



Stamou S.C., White T., Barnett S., Boyce S.W., Corso P.J., Lefrak E.A.
Reparto di Cardiochirurgia, Centro Ospedaliero di Washington, Washington, D.C.



I Testimoni di Geova sono una fede cristiana i cui membri, per motivi religiosi, non accettano in alcuna circostanza il sangue o i prodotti del sangue. Ad oggi, nessuno studio comparativo ha valutato i risultati della chirurgia a cuore aperto nei Testimoni di Geova rispetto ai pazienti che accettano la trasfusione di prodotti del sangue.
Il presente studio è stato condotto al fine di comparare metodicamente la mortalità operatoria ed il risultato clinico immediato successivi alla chirurgia a cuore aperto nei Testimoni di Geova rispetto ai non Testimoni di Geova. Dal gennaio 1990 al luglio 2004, 49 pazienti Testimoni di Geova sono stati sottoposti a cardiochirurgia, ed i loro dati sono stati confrontati con quelli di un gruppo di controllo riferito allo stesso periodo relativo a 196 non Testimoni di Geova. Sono state utilizzate analisi di regressione logistica per confrontare la mortalità operatoria, la permanenza presso l’unità di terapia intensiva postoperatoria e il prolungamento della degenza ospedaliera tra i 2 gruppi, verificando i fattori di rischio preoperatori.
I Testimoni di Geova corrispondevano ad un rapporto di 1:4 rispetto ai non Testimoni di Geova utilizzando i punteggi di propensione. Nessuna differenza significativa è stata rilevata tra i due gruppi nella disfunzione cardiaca (p = 0.5), infarto miocardico acuto (p = 0.6), fibrillazione atriale di nuova insorgenza (p = 0.106), ventilazione prolungata (p = 0.82), insufficienza renale acuta (p = 0.70) e riesplorazione per emorragia (p = 0.59). In vari tipi di analisi, i Testimoni di Geova avevano mortalità operatoria (valore di 0.66, 95% intervallo accettabile 0.12 a 3.59, p = 0.63), permanenza presso l’unità di terapia intensiva (valore di 1.36, 95% intervallo accettabile 0.46 a 3.97, p = 0.58) ed estensione della degenza postoperatoria (valore di 1.43, 95% intervallo accettabile 0.92 a 2.20, p = 0.16) paragonabile a quella dei non Testimoni di Geova, a parità di fattori di rischio preoperatorio.
In conclusione, aderendo ai protocolli di conservazione del sangue la cardiochirurgia nei Testimoni di Geova è associata a risultati clinici paragonabili a quelli dei non Testimoni di Geova.



fonte

Questo articolo è stato pubblicato su "NCBI - PubMed" (http://www.ncbi.nlm.nih.gov), con i seguenti riferimenti: Am J Cardiol. 2006 Nov 1;98(9):1223-5. Epub 2006 Sep 7.