Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


I Testimoni di Geova chiedono di espandere la loro presenza a Brooklyn



5 AGOSTO 2004 - In genere sono conosciuti per la loro rivista La Torre di Guardia e per le loro costruzioni torreggianti ai piedi del Ponte di Brooklyn. Ora i Testimoni di Geova desiderano espandere le loro sedi religiose oltre il Ponte di Manhattan, trasformando un'area destinata attualmente a parcheggio (una superficie che supera i 12.000 mq) in un enorme complesso residenziale che alloggerebbe quasi 2.000 Testimoni.

"I nostri progetti attuali richiedono nuove costruzioni per un'altezza di 20, 18, 16 e 14 piani con una sala per il pranzo ed una per le assemblee", ha detto Richard Devine della Watchtower Society, un'ente dei Testimoni di Geova.

Il loro sogno è costruire tutto questo sulla loro proprietà. Ma la Watchtower Society dovrà prima aspettare le modifiche al piano regolatore della città ed il cambiamento del tipo di zona da industriale a residenziale, così poi da poter ottenere le autorizzazioni necessarie. Ci sono già circa 2.000 persone che vivono nella zona, la quale si trova sul confine del quartiere Dumbo e Vinegar Hill.

"Questo progetto raddoppierebbe la popolazione della zona Dumbo-Vinegar Hill, provocando un serio impatto sul quartiere e sulle vicinanze," ha detto il consigliere comunale David Yassky. "La mia preoccupazione deriva dal fatto che l'infrastruttura potrebbe prendere il sopravvento nella zona a discapito di altre".

Yassky ed il consiglio locale hanno chiesto alla Watchtower Society di apportare e prevedere alcuni miglioramenti alla zona, come la sistemazione di un parco pubblico. L'organizzazione dice che sebbene la richiesta sia ragionevole, non è interessata nella segnalazione di Yassky anche la sistemazione della stazione ferroviaria di York Street.

Alcuni residenti dicono che i Testimoni di Geova dovrebbero cercare di venire maggiormente incontro alla comunità, ad esempio aggiungendo dello spazio per la vendita al dettaglio e riducendo la vastità del progetto.

"L'altezza è un problema, perché è fuori dal contesto del quartiere", ha detto Christy Nyberg, a nome della Dumbo Neighborhood Association. "Questo è un progetto troppo imponente per essere presentato in un quartiere relativamente piccolo come il nostro".

La Watchtower Society dice che al momento sta studiando la possibilità di ridurre l'altezza di una delle quattro costruzioni ma tiene a sottolineare che la vendita al dettaglio è inammissibile perché è in conflitto con la l'attività religiosa dei Testimoni di Geova, la quale è senza scopo di lucro. Tuttavia, la Società spiega che la costruzione principale avrà un ingresso ben illuminato, molto grande, un atrio aperto tale da conferire una buona estetica, così come molto spazio destinato a verde. I progetti inoltre prevedono parcheggi sotterranei per un totale di oltre 1.000 posti auto.

"Dieci anni fa non avreste mai potuto immaginare questo posto come uno in cui vivere, ed all'inizio nemmeno noi lo avevamo acquistato pensandone di farne un uso simile in futuro", ha detto Devine. "Ma come ora è evidente a tutti nel frattempo la zona è cambiata di molto. Abbiamo assistito ad una vera e propria risurrezione".

Il prossimo impegno per la Watchtower Society sarà un'udienza pubblica che verrà tenuta dal presidente della città di Brooklyn, prevista per i primi giorni del prossimo mese. Quindi il progetto passerà prima alla Planning Commission (Commissione per la Pianificazione) della città e poi al Consiglio Comunale.



fonte