Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Costruire alla velocità della luce

“Una nuova Sala del Regno sarà costruita da mercoledì a domenica”

Di Marilyn Bellemore


Chiunque si troverà a passare la mattina del Ringraziamento davanti ad Hillside Ave. 36 e vedrà un lotto di terreno spoglio e quando tornerà indietro tre giorni dopo troverà un edificio appena costruito di 110 metri quadrati dovrà sapere che non si tratta di una costruzione come tante. Si tratterà invece di un atto di amore, benignità, pazienza e considerazione, ovvero sarà il lavoro di 500 volontari specializzati provenienti da Rhode Island, Connecticut e Massachusetts che costruiranno una nuova Sala del Regno dei Testimoni di Geova a Newport Kingdom.

Questa sala sostituirà un edificio costruito nel 1969 e abbattuto due mesi fa per far spazio ad un parcheggio più efficiente con accesso per disabili e che rispetti le norme antincendio, così ha dichiarato Doug Eadie, un anziano della sala di Newport Kingdom e responsabile del comitato di costruzione.

Il nuovo edificio che costerà circa $370,000, costo sostenuto da donazioni volontarie, sarà un po’ più grande, sarà dotato di due o tre sale per l’istruzione biblica e ospiterà 65 membri di lingua inglese e 15 membri di lingua spagnola. Eadie ha affermato che, se tutto andrà bene, potrà essere utilizzata dai primi di dicembre.

Il progetto è uno dei sei provveduti dalla sede mondiale dei Testimoni di Geova a New York.

Eadie ha spiegato che i Testimoni si avvalgono di un rapido metodo di costruzione in modo che i membri della locale congregazione non debbano star lontani per molto tempo dalle proprie famiglie e dai loro impegni teocratici. Inoltre, questo metodo non reca molto disturbo al vicinato.

“Sebbene questi edifici sorgano con sorprendente velocità, la velocità non è la nostra primaria preoccupazione”, ha detto Eadie che ha aiutato a costruire dozzine di Sale del Regno a New York, New Jersey e Pennsylvania. “E’ molto importante garantire la qualità della costruzione delle nostre modeste Sale del Regno progettate per soddisfare i bisogni della locale congregazione. Per questo motivo le sale vengono progettate con molta attenzione. Vengono prese opportune misure per garantire la massima sicurezza, sicurezza dei lavoratori, dei vicini, dei passanti e dei futuri fruitori”.
Ai volontari viene ricordato di lavorare con andatura costante ma non in fretta. Sono incoraggiati a dedicare alcuni minuti allo scambio di qualche esperienza incoraggiante.

Essendo Rhode Island uno stato prevalentemente Cattolico Romano e Protestante per molte persone i Testimoni di Geova rimangono un gruppo misterioso. Eadie ha affermato che ci sono più di 6 milioni di Testimoni nel mondo di cui più di un milione negli Stati Uniti.

Ma perché si riuniscono?

“Perché si rendono conto del peggioramento delle condizioni che vediamo intorno a noi o di ciò che Gesù disse si sarebbe verificato prima di Armaghedon”, ha dichiarato Eadie. “Dopo, quando il regno di Dio verrà e la sua volontà sarà fatta sulla terra come in cielo, allora avremo la pace che la Bibbia promette. La religione fu fondata nel 1800 da Charles T. Russell per diffondere la conoscenza della Bibbia e per predicare la buona notizia del Regno di Dio. Crediamo che Geova è Dio Padre e il suo regno porterà pace sulla terra tramite suo figlio Cristo Gesù”.

La scorsa settimana, mentre passeggiava sul luogo destinato alla costruzione dell’edificio, Eadie ha dichiarato: “il sostegno locale è stato eccellente e voglio ringraziare la comunità per aver reso possibile questo progetto”.



fonte

Questo articolo è stato pubblicato sul sito "Newport's News & Arts Alternative", in data giovedì 21 novembre 2006, da parte del redattore Marilyn Bellemore, mbellemore@ntwlive.com (http://www.ntwlive.com).