Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Derive settarie, per il direttore dell’Osservatorio delle Religioni occorre "portare delle prove prima di stigmatizzare"



Raphaël Liogier, sociologo, professore presso l'IEP [Istituto per gli Studi Politici, N.d.R.] di Aix-en-Provence, direttore dell’Osservatorio delle Religioni ed autore di una laicità “legittima”, la Francia e le sue religioni di Stato. Secondo lui, i metodi utilizzati per combattere contro le derive settarie in Francia sono “arbitrari” ed inefficaci.

Gli autori del rapporto parlamentare si preoccupano per la sorte dei bambini i cui genitori appartengono ad un movimento considerato come setta. Cosa ne pensate voi? Non esistono sette che siano pericolose a priori in Francia. Tutti gli studi sociologici hanno dimostrato che non ci sono più derive in questi gruppi rispetto ad altri gruppi che non sono religiosi. Ed i parlamentari o la commissione interministeriale non hanno condotto alcuna seria indagine per dimostrare il contrario. Si registrano 40.000 bambini tra i Testimoni di Geova, e si conclude che 40.000 bambini sono in pericolo. Ma se esistesse un vero problema, si osserverebbero casi di maltrattamenti, di bassa istruzione, ecc. Si ricorrerebbe ad assistenti sociali o al Ministero per l’Educazione nazionale. Non dico che a ciò non si possa arrivare, ma, quando si verifica, si tratta di casi particolari che nulla hanno a che vedere con il funzionamento generale della setta [religione, N.d.R.].

In questo caso, perchè non istituire una commissione per studiare l’influenza delle sette sui minori? Perché le sette rappresentano il capro espiatorio ideale. Sono immaginate come tentacolari, incontrollabili. Dopo avere tentato senza successo di incastrarli sulle loro finanze, si prova ora ad asserire che i loro bambini sono manipolati, in quanto è un tema che desta molta sensibilità da un punto di vista emotivo.

Come individuare le derive? Smettendo di viaggiare per luoghi comuni, ma reagendo in una maniera più razionale. Occorre essere vigilanti sulle associazioni che potrebbero realmente derivare, come quelle che hanno un progetto fondato sul razzismo o quelle che concentrano il potere su una sola persona ed i cui adepti sono totalmente succubi del loro capo. Per individuarle, occorrono indagini scientifiche e sociologiche. Occorre portare delle prove prima di stigmatizzare, e smettere di basarsi su delle denunce rivolte tutte in una direzione, senza inchieste a colpa o a discolpa. Altrimenti, ci si immerge nell’arbitrario, si arriva a misure discriminatorie, e si creano problemi di libertà pubblica più importanti di quelli che si presume di risolvere.



fonte

Questo articolo è stato riportato sul sito "blodei" in data 21 dicembre 2006, il quale riporta come fonte il quotidiano francese "Libération" (http://www.blogdei.com).