Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Eritropoietina umana ricombinante per grave anemia: problemi di dosaggio e di durata



Charles A., Purtill M., Napolitano L.M.
Reparto di Chirurgia, Divisione di Chirurgia per malattie acute, Università del Michigan, Ann Arbor, Michigan, USA.


La maggioranza dei Testimoni di Geova rifiuta la trasfusione dei prodotti del sangue, perfino quando può essere necessaria alla vita. Il trattamento con eritropoietina ricombinante umana (RHuEPO) è un prezioso aiuto per i pazienti Testimoni di Geova che si sottopongono ad intervento. Per evitare la trasfusione di sangue sono anche utilizzate diverse strategie ulteriori, che includono l'emodiluizione normovolemica acuta, il salvataggio del sangue intra-operatorio e la reinfusione, l’integrazione di ferro ed acido folico. I pazienti con malattie critiche hanno una diminuita produzione di eritropoietina e un decremento della disponibilità di ferro endogeno.
Questo rapporto medico permette di rivedere il trattamento dell’anemia su pazienti Testimoni di Geova in situazioni post-operatorie molto gravi affrontando il potenziale bisogno di terapie di più lunga durata e a maggior dosaggio di RHuEPO.



fonte

Questo articolo è stato pubblicato sul sito "NCBI PubMed", nel mese di dicembre 2006, con i seguenti riferimenti: Anaesth Intensive Care. 2006 Dec;34(6):793-6 (http://www.ncbi.nlm.nih.gov).