Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Romania: Promulgata la controversa legge; previste le sfide legali

Di Felix Corley, Servizio Notizie del Forum 18

Il Presidente romeno Traian Basescu ha approvato una controversa nuova Legge Religiosa, nonostante le richieste di un riesame della stessa da parte degli attivisti per i diritti umani e delle comunità religiose. E’ stato riferito al Servizio Notizie del Forum 18 che sono previste sfide presso la Corte Costituzionale e, potenzialmente, alla Corte Europea per i Diritti dell’Uomo. Il pastore Avventista Adrian Bocaneanu ha detto al Forum 18 che è preoccupato in merito alla nuova censura inerente la "diffamazione religiosa" e la "pubblica offesa ai simboli religiosi", quando "l’essenza della libertà religiosa è la capacità di esprimere i propri punti di vista sulle credenze religiose e di confrontarli con altri". Egli ha messo in risalto che sarà decisivo il modo in cui la legge verrà attuata. "Se la legge sarà interpretata in modo da mettere in silenzio le altre religioni e questo diviene un modello, ciò sarebbe pericoloso”, ha detto al Forum 18. "Al presente questo sembra improbabile". La Chiesa Pentecostale delle Assemblee di Dio, la comunità Baha'i e l’Unione Battista rappresentano altri punti di vista critici sulla legge.


Gli attivisti per i diritti umani ed i membri di diverse comunità religiose hanno espresso sorpresa e preoccupazione al Servizio Notizie del Forum 18 quando, il 27 dicembre, il Presidente romeno Traian Basescu ha approvato la controversa nuova Legge Religiosa. Alcuni hanno da subito invitato il Presidente a mandare indietro la legge per una riconsiderazione.

La Legge ha completato un rapido iter parlamentare il 13 dicembre (vedi F18News del 12 dicembre 2006: http://www.forum18.org/Archive.php?article_id=887) ed il sito internet presidenziale ha riportato la promulgazione da parte del Presidente Basescu il 27 dicembre. Tuttavia, l’adozione della Legge ha guadagnato poca attenzione nei mezzi di informazione romeni, perfino durante i suoi frettolosi passaggi conclusivi che hanno infranto le procedure parlamentari (vedi F18News del 15 dicembre 2006: http://www.forum18.org/Archive.php?article_id=889). "Non è stata una questione pubblica", ha detto al Forum 18 il 3 gennaio da Bucarest Iustina Ionescu del Centro per le Risorse Legali.

Il pastore Avventista del Settimo Giorno Adrian Bocaneanu, oltre ad opporsi ai diversi livelli di riconoscimento legale per le comunità religiose, il quale è uno dei più controversi aspetti della legge (vedi F18News del 7 ottobre 2005: http://www.forum18.org/Archive.php?article_id=669), è inoltre assai preoccupato in merito alla nuova censura inerente la "diffamazione religiosa" e la "pubblica offesa ai simboli religiosi". Queste norme sono state introdotte nella legge più tardi nel processo parlamentare. "Noi non puntiamo a parlare contro le credenze e le pratiche religiose di altri – desideriamo essere rispettosi", ha detto al Forum 18 da Bucarest il 3 gennaio. "Ma l’essenza della libertà religiosa è la capacità di esprimere i propri punti di vista sulle credenze religiose e di confrontarli con altri".

Bocaneanu ha messo in risalto che sarà decisivo il modo in cui la legge verrà attuata. "Se la legge sarà interpretata in modo da mettere in silenzio le altre religioni e questo diviene un modello, ciò sarebbe pericoloso”, ha detto al Forum 18. "Al presente questo sembra improbabile".

I Testimoni di Geova, i quali sono riusciti ad ottenere l’atteso riconoscimento come fede nel 1990 malgrado successivi tentativi ufficiali per revocarlo e che rivendicano 83.000 aderenti in 540 congregazioni in tutta la Romania, si sono rifiutati di rilasciare un commento in merito alla nuova legge. "Solo il tempo dimostrerà se l’applicazione di questa legge è contro i diritti dei Testimoni di Geova", ha detto al Forum 18 Florin Manoliu da Bucarest il 3 gennaio.

[…]



fonte

Questo articolo è stato pubblicato su F18News il 3 gennaio 2007 da parte del giornalista Felix Corley, Servizio Notizie del Forum 18 (http://www.forum18.org).