Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


La Corte Europea perora un importante caso di obiezione di coscienza in Armenia





YEREVAN, Armenia - Il 12 dicembre 2006 un ragazzo ha rivendicato la violazione della sua libertà religiosa e di coscienza, dichiarata ammissibile da parte della Repubblica Armena, alla Corte Europea per i Diritti Umani.

Vahan Bayatyan è uno dei tanti giovani Testimoni di Geova accusati e imprigionati in Armenia per essersi rifiutati di violare la loro coscienza addestrata secondo la Bibbia partecipando a qualsiasi forma di servizio militare. Dopo essere stato condannato ad un anno e mezzo di reclusione dal tribunale, il procuratore si è appellato chiedendo una sentenza più pesante asserendo che l'obiezione di coscienza del Sig. Bayatyan sia era dimostrata "infondata e pericolosa". La Corte d'Appello avallò la richiesta incrementando il periodo di detenzione di un anno. Questa decisione fu confermata dalla Corte Suprema.

Avendo esaurito tutti i ricorsi nazionali, il Sig. Bayatyan intentò un'istanza alla Corte Europea per i Diritti Umani. Nella sua istanza chiese alla Corte di riconsiderare il suo passato in fatto di giurisprudenza inerente i casi di obiettori di coscienza e riportarli in linea alla odierna posizione politica del Consiglio Europeo il quale richiede ai nuovi stati membri di riconoscere il diritto all'obiezione di coscienza. A sua propria discrezione, la Corte Europea ha accettato di esaminare il caso. Se il Sig. Bayatyan avrà successo e la Corte riconoscerà il diritto all'obiezione di coscienza come previsto dall'articolo 9 della Convenzione, questa decisione costituirà un passo importante, innovativo e all'avanguardia nella giurisprudenza della Corte Europea.

Quando l'Armenia si unì al Consiglio Europeo prese un fomale impegno nell'interrompere le cause contro gli obiettori di coscienza, concedere l'indulto a coloro che stavano scontando le condanne e adottare una legge alternativa per i servizi civili. Invece di adempiere a questi obblighi, l'Armenia continua a intentare cause e a imprigionare gli obiettori di coscienza. Attualmente ci sono più di 60 obiettori di coscienza che stanno scontando pene detentive. Le autorità governative hanno anche inasprito la loro posizione aumentando la pena detentiva per gli obiettori di coscienza e disattendendo le promesse fatte a 25 giovani Testimoni di Geova che stanno scontando la loro pena detentiva. Anche dopo aver scontato la pena detentiva, l'ostruzionismo per gli obiettori di coscienza, in molti casi, continua, le autorità rifiutano di rilasciare (o restituire) il passaporto e documenti inficiando le opportunità per quanto riguarda l'istruzione e l'impiego.

Da quando l'Armenia ha adottato una legge alternativa che contempli il servizio civile nel 2004, questa legge, secondo una recente Assemblea Parlamentare del Consiglio Europeo (PACE), non è "in conformità agli Standard Europei". Gli obiettori di coscienza che sono Testimoni di Geova non stanno accettando questo servizio civile alternativo da quando è sotto il controllo e la supervisione militare.




{Note a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova.net}



L'Armenia è uno Stato indipendente eurasiatico, situato nel Caucaso meridionale. Confina a nord con la Georgia, a est con l'Azerbaijan, a sud con l'Iran e l'exclave azera del Nakhchivan e a ovest con la Turchia.
Il governo armeno punta verso un Parlamento di stile occidentale, libero e democratico. Tuttavia, gli osservatori internazionali sono spesso critici in merito alla legalità della vita politica armena.
Il Parlamento monocamerale è controllato attualmente da una coalizione tripartitica. L'opposizione è invece formata da numerosi piccoli partiti.
L'Armenia è un paese a maggioranza cristiana. Circa il 95% degli armeni appartiene alla Chiesa Apostolica Armena, che professa un cristianesimo di tipo ortodosso, orientale e non-calcedoniano, fortemente conservatrice e ritualistica. Esistono poi piccole minoranze di protestanti evangelici, di cattolici e di praticanti gli antichissimi culti tradizionali.


    Rapporto dall'annuario 2007:

    Armenia:

    Popolazione: 2.976.000
    Proclamatori: 9.242
    1 Proclamatore su: 322
    2006 Media Proclamatori: 9.067
    Percentuale d'aumento: 4%
    Battezzati anno 2006: 579
    Numero di congregazioni: 77
    Media Studi biblici: 7.550
    Presenti Commemorazione: 21.656



fonte

Questo articolo è stato pubblicato sul sito ufficiale delle Pubbliche Relazioni dei Testimoni di Geova, JW-Media.org, in data 11 Aprile 2007 (http://www.jw-media.org)