Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Una perdita di sangue post-operatoria minaccia la vita di una Testimone di Geova: somministrata alta dose di eritropoietina

Reparto di Anestesiologia, University Hospital, Rheinisch-Westfalische Technische Hochschule, Acquisgrana, Germania

Sei ore dopo una semplice ed estesa resezione di carcinoma ovarico, un'emorragia post-operatoria ha provocato una consistente perdita di sangue minacciando la vita di una Testimone di Geova di 44 anni che aveva rifiutato la trasfusione di sangue. L'emoglobina è diminuita dai 2,5g/dl misurati subito dopo la laparotomia di emergenza, ad un periodo seguente di 10 ore nelle quali il valore non era misurabile (in quanto inferiore al valore minimo rilevabile dello strumento analizzatore), per arrivare a 20 ore dopo ad un valore minimo misurabile di 1,5 g/dl. L'eritropoiesi è stata indotta tramite la terapia di eritropoietina ad alta dose (600 UI kg), proseguita i giorni 3, 6, 8, 10 e 13 dopo l'intervento. Il ferro, l'acido folico e le vitamine sono stati dati ad integrazione. La paziente ha avuto bisogno di una costante ventilazione per 18 giorni e del supporto dell'inotropia. Le complicazioni derivate sono consistite in un forte aumento degli enzimi pancreatici e degli enzimi epatici, dall'ittero e dalla necrosi cutanea alle estremità di mani e piedi. La miopatia ha generato una tetraparesi. L'emoglobina è poi aumentata da 1,5 a 3,4 g/dl (il decimo giorno) e la paziente è stata dimessa dal trattamento di terapia intensiva il ventiquattresimo giorno con emoglobina pari a 6,5 g/dl. La Testimone ha avuto una completa riabilitazione con remissione del cancro.


fonte