Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Torino: Affetta da emofilia partorisce con cesareo senza trasfusione



Torino, 11 mag. (Adnkronos)- Affetta da emofilia legata ad una carenza del fattore settimo della coagulazione, una donna torinese di 34 anni, testimone di Geova, ha partorito il primo figlio con taglio cesareo senza ricorrere ad alcuna trasfusione di sangue. E' accaduto al'ospedale Maria Vittoria di Torino, dove la signora e' stata sottoposta prima, durante e dopo l'intervento chirugico ad una terapia farmacologica, per la prima volta sperimentata in Piemonte, che utilizzando il fattore ricombinante di cui era carente, ha scongiurato il rischio di emorragia.

'Gli emofilici - ha spiegato Claudio Castello, dell'equipe di ginecologia del Maria Vittoria che ha seguito la partoriente - avendo un deficit congenito di coagulazione manifestano un elevato rischio emorragico ogni qualvolta si manifesti un fatto che interrompe il processo coagulativo. Nel caso specifico, essendo il parto gia' di per se' uno dei momenti della vita di una donna in cui il rischio emorragia e' maggiormente elevato, la situazione era complessa'.

'Per questo - ha proseguito il medico che opera nell'equipe diretta dal professor Armellini - si e' deciso di sperimentare sulla signora un farmaco innovativo che induce alla coagulazione che consentisse di sopperire alla manifestata carenza del fattore settimo. Un'intervento reso possibile - ha aggiunto- dalla collaborazione tra la divisione ginecologia e quella di immuno ematologia- trasfusionale dell'ospedale'.

'Alla paziente, dunque - ha spiegato ancora il medico - e' stato infuso il farmaco con fattore ricombinante prima dell'intervento, durante e nella fase immediatamente post operatoria, azzerando di fatto ogni rischio emorragico'.

Quanto agli effetti collaterali, il rischio e' che un eccesso di somministrazione possa determinare processi embolici, sia venosi, sia arteriosi. 'un rischio che tuttavia si esclude - ha concluso Castello - se si procede ad una somministrazione congrua, vale a dire sotto stretto controllo medico'



fonte

Questo articolo è stato pubblicato sul sito Metropolis Torino, in data 11 Maggio 2007, rubrica News dal Territorio, sezione Provincia di Torino (http://torino.metropolisinfo.it)