Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 


 


Cinque per mille: i dati delle preferenze 2006 e gli elenchi dei beneficiari 2007



L'Agenzia delle entrate ha ultimato il censimento delle autocertificazioni ridefinendo l'elenco dei soggetti validamente iscritti relativamente al volontariato che possono usufruire del 5 per mille 2006.

Il numero scende da 28.678 del primo elenco compilato sulla base delle domande presentate a 22.372. Sono dunque 6.306 i soggetti risultati non in regola per mancato, tardivo o non corretto invio delle autocertificazioni.

Oltre all'elenco relativo al volontariato sono disponibili anche i dati delle preferenze espresse a favore degli altri soggetti che possono usufruire del 5 per mille (Ricerca scientifica, ricerca sanitaria e attività sociali svolte dai comuni).

Entro luglio si completerà la fase dei controlli finalizzati a verificare la sussistenza dei requisiti di legge e si procederà alla definitiva conferma dei soggetti che beneficeranno del contributo. I soggetti non validati o esclusi dall'elenco non potranno beneficiare degli importi corrispondenti alle preferenze loro attribuite.

Nel complesso i contribuenti italiani hanno espresso, considerando tutti e 4 i settori interessati, 15.854.201 preferenze su un totale di 26.391.936 dichiarazioni.

Le preferenze a favore del volontariato sono state 9.418.595, delle quali 808.717 rivolte genericamente senza indicare il beneficiario.

Per gli enti della ricerca scientifica sono state espresse 2.172.226 preferenze, di cui 940.909 sono prive dell’indicazione del beneficiario.

Per la ricerca sanitaria, invece, 2.195.203 sono le scelte espresse dai contribuenti; di queste 1.537.020 non recano l'indicazione del beneficiario.

Infine, 2.068.177 sono state rivolte a sostegno delle attività sociali di 8.093 Comuni italiani.

I dati si riferiscono unicamente al numero di scelte espresse e quindi non hanno rispondenza diretta con gli importi da assegnare, che saranno determinati sulla base dell’imposta netta effettivamente dovuta da ciascun contribuente che ha effettuato la scelta.

Per il sostegno del volontariato, una prima "classifica" vede la Federazione nazionale delle associazioni Auser di volontariato ai primissimi posti grazie alle 163.222 preferenze raccolte, seguita da Emergency - Life support for civilian war victims, che ne colleziona 161.407.

Tra gli enti della ricerca scientifica si distingue, invece, l'Associazione italiana per la ricerca sul cancro: 727.868 le scelte espresse in suo favore a fronte delle 81.590 raccolte dalla Fondazione italiana sclerosi multipla.

Per quanto riguarda gli enti della ricerca sanitaria, al primo posto troviamo l'Istituto europeo di oncologia, con 101.144 preferenze, seguito dalla Fondazione centro S. Raffaele del monte Tabor, che ne registra 86.320.

Quanto, infine, alle scelte cadute sui Comuni, il "preferito" è quello di Roma, con 48.484 sostenitori. Seguono, in ordine, Milano (20.069), Torino (17.653) e Firenze (12.877).

Nella tabella che segue sono riportate le scelte effettuate dai contribuenti e le percentuali dei diversi settori. Gli importi da assegnare saranno determinati sulla base dell'imposta netta effettivamente dovuta dal contribuente.





{Nota a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova.net}

Dai dati del dossier sulle scelte del 5 per 1000 in sostegno del Volontariato, emerge che la Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova (codice fiscale 97048750588) ha avuto 61.858 scelte.




fonte

Questo articolo è stato pubblicato sul sito Governo Italiano, Presidenza del consiglio dei ministri, in data 15 giugno 2007 (http://www.governo.it)