Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


In Uzbekistan padre di due figli imprigionato per aver insegnato religione





SAMARKAND, Uzbekistan - Irfon Khamidov, un aderente ai Testimoni di Geova, affronta due anni di carcere per aver insegnato religione. L’appello del 21 giugno al Tribunale Penale della Regione di Samarkand ha confermato l’originaria condanna sentenziata il 14 maggio, quando fu immediatamente imprigionato.

Khamidov ha 32 anni e ha due figli. Sua moglie ha dato alla luce prematuramente il loro secondo figlio in giugno. La condanna di Khamidov è stata basata sull’articolo 229-2 del Codice Penale dell’Uzbekistan, che proibisce di insegnare religione senza una particolare istruzione religiosa e autorizzazione. Secondo i legali di Khamidov, l’11 maggio 2007, le due presunte “vittime” del "crimine" d'insegnamento religioso di Khamidov dichiararono sotto giuramento che non avevano mai visto prima di allora Khamidov né di aver parlato con lui. Ciò nonostante, la registrazione ufficiale della pretura omise queste testimonianze giurate. La Corte d’Appello ha rifiutato analogamente di ascoltare la testimonianza di due osservatori, presenti nell’aula di tribunale, che potrebbero attestare d’aver sentito quelle “vittime” negare sotto giuramento che Khamidov avesse insegnato loro religione. Gli avvocati di Khamidov credono che la testimonianza mancante lo scagionerebbe.

Un’altra seria violazione della legge ha incluso l’uso di una firma contraffatta su un documento falso. Alla lista delle irregolarità, si aggiunge che non era presente alcun avvocato durante gli interrogatori di Khamidov e negli altri atti pre-processuali come previsto dalla legge Uzbeka.

Leggendo dalla Bibbia, l’avvocato di Khamidov ha citato le parole del profeta Daniele e ha alla corte d’appello che “nessun atto dannoso” (Daniele 6:22) è stato commesso da Khamidov. I legali di Khamidov stanno valutando un reclamo di vigilanza alla Corte Suprema dell’Uzbekistan.

A Samarkand, questa stessa Corte d’Appello giudicherà un altro appello. Anche questo riguarda la sentenza penale di un Testimone di Geova per aver insegnato religione. Delafruz Arziyeva, 25 anni, ha fatto appello contro la sua condanna a due anni di lavoro correttivo.


Il Centro Amministrativo dei Testimoni di Geova in Russia
ul. Srednyaya, 6, pos. Solnechnoye, St. Petersburg 197739
tel.: (812) 432-95-50; fax: (812) 432-94-70



fonte

Questo articolo è stato pubblicato sul sito ufficiale delle Pubbliche Relazioni dei Testimoni di Geova, JW-Media.org, in data 19 Luglio 2007 (http://www.jw-media.org)